Maxi Lopez: “Una volta il Milan era come una famiglia, poi è cambiato”

berlusconi inzaghi milan
© foto www.imagephotoagency.it

L’argentino ha parlato di Milan e non solo, tra i temi anche Higuain

Maxi Lopez, ex attaccante tra i tanti club anche del Milan, ha parlato nelle ultime ore ai microfoni di Gazzetta dello Sport riguardo la sua avventura con la maglia rossonera. Queste le sue parole: “Ho fatto sei mesi in prestito ed era tutto allestito per poter proseguire, ma a Catania c’erano dei dirigenti poco capaci, gli accordi sono stati modificati e io sono dovuto rientrare“. L’argentino si è poi soffermato sul tema Higuain, i due sono amici da tempo e si conoscono bene. Queste le dichiarazioni sull’avventura del Pipita a Milano:

È andata male al Milan? Ci conosciamo fin da piccoli. È un ragazzo che deve essere motivato costantemente. Il Milan una volta era una famiglia, poi è cambiato. A un giocatore occorre stabilità, uno così non ti va via se hai un progetto chiaro. Peccato, poteva essere un gran bel matrimonio”.

Dubbi e incertezze sul futuro degli attaccanti: Piatek unica sicurezza

L’attacco di Giampaolo resta ancora un’incognita. L’unico a essere certo di avere un ruolo da protagonista nel progetto resta Piatek. Negli ultimi giorni, anche la posizione di Cutrone si è rafforzata. Il giovane attaccante spera di avere concrete possibilità di giocarsi una maglia da titolare. Fondamentale sarà il ritiro per capire realmente le scelte del nuovo allenatore a riguardo.