Ibrahimovic, carta e penna a Lukaku: «Milano non ha mai avuto un Re, ha un Dio»

© foto Milano 17/10/2020 - campionato di calcio serie A / Inter-Milan / foto Imago/Image Sport nella foto: esultanza gol Zlatan Ibrahimovic

Zlatan Ibrahimovic, qualora ce ne fosse bisogno, ha specificato la sua posizione all’interno della gerarchia delle divinità milanesi

Zlatan Ibrahimovic è senza ombra di dubbio l’uomo del weekend. A 39 anni suonati lo svedese ha deciso il derby della Madonnina con una doppietta, già la seconda stagionale. L’Inter di Conte, più forte e preparata sulla carta, non ha potuto nulla contro il delirio (in senso buono) di onnipotenza di Ibra.

E sui social il numero 11 rossonero si toglie anche qualche sassolino dalla scarpa. Risultava stonata già all’epoca infatti l’autoproclamazione a Re di Milano da parte di Romelu Lukaku, in seguito al derby vinto 4-2 in rimonta. Oggi Ibrahimovic ha voluto mettere le cose in chiaro, nero su bianco, con un semplice messaggio: «Milano non ha mai avuto un Re, ha un Dio».

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Milano never had a king, they have a GOD

Un post condiviso da Zlatan Ibrahimović (@iamzlatanibrahimovic) in data: