Di Francesco mischia le carte: contro il Milan potrebbe giocare a specchio

Di Francesco
© foto www.imagephotoagency.it

Di Francesco avrebbe scelto di schierare la Roma con un modulo a specchio contro il Milan di Gattuso: il 4-3-3

Dopo il deludente pareggio contro l’Atalanta in campionato (3-3) e la clamorosa sconfitta in Coppa Italia per 7-1 contro la Fiorentina, ora Eusebio Di Francesco avrebbe intenzione di mischiare le carte in casa Roma per la sfida di questa sera contro il Milan. Il tecnico giallorosso starebbe infatti pensando di schierare dal primo minuto Patrick Schick. La scelta del tecnico giallorosso – che deve vincere per salvare la panchina – risponde alla volontà di volersi schierare a specchio con il Milan di Gattuso. L’ex Sampdoria infatti si muoverà da esterno nel 4-4-3 dei capitolini che troveranno davanti un Milan con lo sesso modulo di sempre ma con la possibilità di cambiare in corsa con l’avvicinamento di Paqueta alla prima punta Piatek trasformando il proprio schieramento in un 4-2-3-1.

Una scelta azzardata per Di Francesco che questa sera contro il Milan dovrebbe dunque schierare Olsen in porta; Florenzi, Fazio, Manolas e Kolarov in difesa; centrocampo tutto italiano con Zaniolo, De Rossi e Pellegrini a supporto del tridente offensivo composto da Schick, Dzeko e l’ex El Shaarawy. Stesso identico modulo per il Milan che propone Donnarumma tra i pali; difesa composta da Calabria, Musacchio, Romagnoli e Rodriguez; centrocampo tutto muscoli e qualità con Bakayoko e Kessié a fare da diga alle scorribande di Paqueta schierato mezzala; in avanti tridente con Calhanoglu a sinistra, Suso a destra e l’ultra-prolifico Piatek centravanti.

ROMA (4-3-3): Olsen; Florenzi, Fazio, Manolas, Kolarov; Zaniolo, De Rossi, Pellegrini; Schick, Dzeko, El Shaarawy. All. Di Francesco

MILAN (4-3-3): Donnarumma; Calabria, Musacchio, Romagnoli, Rodriguez; Kessie, Bakayoko, Paquetá; Suso, Piatek, Calhanoglu. All. Gattuso

Articolo precedente
Kessie RomaRoma-Milan, numeri e curiosità del match
Prossimo articolo
Romagnoli DonnarummaIl Milan blinda la porta: nessuno come i rossoneri da dicembre ad oggi