Coppa Italia, parla Ancelotti: «La finale la vedrò indossando la maglia del Milan»

Ancelotti
© foto www.imagephotoagency.it

Le parole di carlo Ancelotti riecheggiano dolcemente all’interno dell’ambiente rossonero, l’ex allenatore del Milan ha dimostrato che il suo amore nei confronti dei colori rossoneri non si è ancora spento

E’ un amore che non finirà mai quello tra Carlo Ancelotti e tutto l’ambiente rossonero. Una storia d’amore sbocciata quando Silvio Berlusconi riuscì prima a strapparlo dalla Roma quando era ancora un calciatore, e successivamente al Parma dopo essere diventato allenatore. Un amore alimentato dai tanti, tantissimi trofei vinti con la maglia rossonera e dalle tante manifestazioni d’affetto, in tanti ricorderanno il coro cantato insieme a tutto lo stadio durante i festeggiamenti post Atene.

LE DICHIARAZIONI – L’ex allenatore rossonero ha riilasciato delle dichiarazioni a MilanTv, ecco la sua intervista:

«Tutto il mondo del calcio è dispiaciuto per Ferguson, perché tutti sanno che uomo è sempre stato. Ho saputo che l’operazione è andata molto bene, speriamo che anche il decorso vada bene e possa recuperare bene. E’ veramente una persona di grandissimo livello e per questo tutti ci preoccupiamo per lui. E’ vero, la chiave è stata la partita di andata, dove abbiamo vinto inaspettatamente e in modo abbastanza facile, anche perché motivati dal giocare due finali ravvicinate. Di conseguenza abbiamo gestito bene il ritorno, nonostante non fossimo nelle migliori condizioni fisiche. Sta facendo molto molto bene, la squadra ha trovato l’identità molto velocemente. Ha fatto un periodo molto buono, nell’ultimo periodo ha pagato un po’ soprattutto dal punto di vista mentale. Ora si sono ripresi e so perfettamente che Rino la preparerà molto bene, conosce molto bene la Juventus dal punto di vista tattico e saprà motivare i suoi ragazzi esattamente come si motivava lui quando giocava. Ho incontrato sia Fassone che Mirabelli l’estate scorsa, hanno preso in mano una situazione complicata e difficile. Occorre un po’ di pazienza, stanno riportando il Milan in alto, ma ci vorrà ancora tempo. Gli altri corrono, soprattutto in Europa. La base è stata ben fatta e mi auguro che il Milan possa tornare ancora in alto il prima possibile. La vedrò insieme a un mio amico, che fa lo chef qua in Canada. E’ molto milanista e ci metteremo la maglia del Milan, questo posso fare per supportare i rossoneri. Speriamo di poter festeggiare mercoledì. La squadra di Rino avrà molto coraggio. Ai tifosi dico di stare vicini alla squadra, seguendola con passione. Quello che i tifosi del Milan sanno fare benissimo. E’ chiaro che è un momento delicato, perchè la squadra è un po’ indietro ma con i giusti investimenti e le qualità imprenditoriali che hanno i dirigenti penso si possa risalire»

Articolo precedente
BigliaCoppa Italia, l’amore di Lucas Biglia per il Milan
Prossimo articolo
Calciomercato, per Dzeko il Milan proporrà uno scambio