Connettiti con noi

HANNO DETTO

Conferenza stampa Pioli: «Siamo una squadra più forte, mercato? Vi dico»

Pubblicato

su

Stefano Pioli presenta il match di domani contro la Sampdoria. Il Milan deve rispondere a Inter, Atalanta e Lazio

Segui con noi la conferenza stampa di Stefano Pioli in vista del match di domani contro la Sampdoria.

Sul momento: «Sono molto contento dei giocatori arrivati. Sono alla terza stagione in rossonero e devo dire che i giocatori sono maturati, più forti, come Leao e Theo. Se accoppiamo bene umiltà e ambizione possiamo solo fare bene. Noi vogliamo vincere tutte le partite. Vogliamo essere protagonisti anche in Champions League».

Su Giroud: «Olivier è un grande professionista, di grande livello. Molto disponibile, sa dove muoversi e sa attaccare molto bene l’area di rigore. Ci porta tanta esperienza. A Trieste ha fatto bene ma farà bene sia nel tandem sia singolarmente con tre o un trequartista alle spalle».

Su Tonali: «Tutti noi dobbiamo superare degli esami. Siamo una squadra forte, Sandro ha una qualità fisica che pochi centrocampisti hanno. Si prende responsabilità che lo scorso anno non riusciva prendere al massimo. Sta sfruttando tutte le potenzialità. E’ un giocatore che ha tanta gamba. Farà una grande stagione come tutti i giovani».

Su Maignan: «Mike è molte volte diffidente ma in senso buono, vuole apprendere sempre di più,  è un portiere molto forte»

Sulla Sampdoria: «Difende molto bene, ha qualità importanti in fase offensiva. Sarà un debutto complicato ma noi stiamo bene e vogliamo vincere la partita»

Su Ibra: «Ibra sta sforzando per rientrare. Se dovesse andare tutto bene nella prossima settimana, dopo la sosta potrebbe tornare a disposizione. E’ un leader tecnico. Non vede l’ora di tornare in gruppo»

Su che Milan sarà: «Dovrà essere un Milan padrone di sé stesso, anche nei momenti difficili, dovrà gestire la pressione. Siamo ancor più squadra, siamo cresciuti a livello mentale. Sono molto fiducioso».

Sul trequartista al posto di Calhanoglu: «In questo momento non siamo alla ricerca di un vero e proprio sostituto di Calhanoglu. Stiamo cercando di rinforzare la squadra e se ci saranno occasioni lo faremo»

Su Kessie: «Kessie ha avuto un’estate particolare. Si è sposato, ha fatto le olimpiadi ed è tornato e ha fatto i test fisici che erano i migliori della squadra. C’è la volontà da ambo le parti di continuare insieme. Vedo un giocatore sereno e che non vede l’ora di continuare con noi»

Sulla Champions e scudetto: «Tutte possono vincere lo scudetto, sono tutte squadre di enorme qualità. L’Inter rimane la favorita ma il campionato sarà molto complicato per tutti».

Sull’emozione di iniziare questa nuova stagione: «Sono emozionato e onorato di indossare questi colori. Sono sicuro e convinto dalla forza della squadra e contentissimo per il ritorno dei tifosi allo stadio perché ci daranno una grande carica».

Sulla condizione fisica: «A parte l’imprevisto successo a Kessie, penso che abbiamo fatto un grande lavoro, non siamo ancora al 110% ma così come tutte le squadre. Siamo ad un buon punto».

Sul modo per essere ancora vivi: «Ci saranno tanti cambiamenti, ci devono essere sempre tante idee e tanti nuovi spazi, un cantiere aperto a seconda delle sfide che andremo ad affrontare».