Conferenza stampa di Krunic e Theo: le parole dei dirigenti del Milan

Massara
© foto www.imagephotoagency.it

Finalmente la conferenza di Krunic e Theo Hernandez: oltre alle parole dei due neo-acquisti, ecco le parole dei dirigenti del Milan

Finalmente la conferenza di presentazione dei due acquisti del Milan è arrivata: Krunic e Theo Hernandez risponderanno alle domande dei giornalisti. Oltre alle loro risposte, sono intervenuti sia Maldini che Massara per rispondere a tutte le domande in merito soprattutto alla questione calciomercato. Leggiamo ora assieme cosa hanno detto.

Come sta andando questa sessione estiva? Le altre fanno i botti e voi?

Massara: «Il mercato è fatto di una durata lunga ma anche di opportunità che si creano ma che prima non erano possibili, sia in entrata che in uscita: sono tutte valutazione che faremo in maniera ponderata ma con degli obiettivi e strategie chiarissime. Non vi preoccupate, sappiamo molto bene quello di cui abbiamo bisogno e ci confrontiamo quotidianamente con l’allenatore. Questa squadra è già molto competitiva e faremo degli innesti mirati, numericamente c’è un reparto difensivo dove dovremo fare delle integrazioni. Dopo di che saremo pronti a cogliere tutte le possibilità che potranno veramente rinforzare in maniera funzionale questa squadra».

Questa operazione alla Modric è impossibile o addirittura fattibile?

Maldini: «Non lo abbiamo mai trattato. Cerchiamo profili giovani e forti e, come detto alla conferenza di presentazione di mister Giampaolo, profili di esperienza che li facciano crescere. Un profilo come Modric sarebbe perfetto, ma non lo abbiamo mai trattato».

Le ultime trattative di mercato: Bennacer e Veretout?

Maldini: «Sono due profili che abbiamo trattato. Le modalità del mercato sono trattative, opportunità e scelta. Vedo che c’è molta fretta e sembra che il Milan sia indietro, ma il mercato finisce il 2 settembre. Vogliamo dare la squadra completa al mister il prima possibile. Ci stiamo lavorando».

Demiral? La situazione difensori come evolverà? E come si risponde a chi vi dice «Sì, il Milan ha acquistato due giocatori, se arriverà Bennacer, da una squadra retrocessa»?

Maldini: «Il mercato è lungo ed è ovvio che in certi ruoli abbiamo delle necessità che se le prendiamo di qualità sono molto costose, sono trattative, abbiamo vari profili diversi tra di loro. I giovani forti costano tantissimi, i giocatori d’esperienza un po’ meno ma hanno altre caratteristiche. Diciamo che siamo sul pezzo, non abbiamo fretta per cercare di sbagliare il meno possibile». Sull’ironia in merito ai due acquisti per il centrocampo? «L’ironia? Lasciamola così. Giocatori buoni sono in squadre retrocesse o in campionati di non altissimo livello»