Clamoroso Milan, è guerra tra Yonghong Lì e Berlusconi

© foto foto Daniele Buffa/Image Sport

Yonghong Lì è pronto ad un’azione legale contro Fininvest. E’ guerra tra il patron attuale e Silvio Berlusconi

Sta per aprirsi una guerra legale tra il Milan di allora e quello di adesso, cioè tra Silvio Berlusconi e Yonghong Lì. Il patron cinese, secondo quanto riportato da Milan Finanza, sarebbe pronto ad iniziare una battaglia legale contro Silvio Berlusconi e Fininvest. Una battaglie legale che porterebbe altro caos intorno alla situazione dei rossoneri.

 IL MOTIVO – Una guerra nata dal rifiuto da parte della Uefa che ha deferito il Milan davanti alla Camera giudicante. Il club rossonero, se a Giugno dovesse ricevere una sanzione pesante, potrebbe subire un grave danno d’immagine. Rossoneri Sports Investment, cioè la holding che controlla il club rossonero, ha incaricato lo studio legale Gop di avviare, secondo quanto riportato dal quotidiano milanese, “una valutazione dei profili di tutela del proprio investimento nel Milan in caso di soccombenza nei confronti dell’Uefa”. Sul tavolo dei legali, quindi, ci sono le carte del contratto firmato lo scorso 13 Aprile. “All’attenzione dei legali di Gop ci sono le garanzie che – riporta MilanoFinanza – secondo una prima interpretazione di parte, sarebbero state inserite nell’accordo relativo alla compravendita”. Secondo il patron cinese, solamente il bilancio 2017 è attribuibile alla nuova proprietà. Gli altri documenti sono riconducibili alla precedente gestione.

 

Articolo precedente
Fassone MirabelliMilan, tu come un passante all’interno di una sparatoria
Prossimo articolo
Milan, il calciomercato è un’incognita