Bonaventura: il rientro porta a un effetto domino a centrocampo

Bonaventura
© foto www.imagephotoagency.it

Bonaventura è ormai pronto a giocare per novanta minuti. Qualche partita in più ne migliorerà le condizioni: cosa comporta il suo rientro?

L’uomo tanto atteso da Giampaolo è praticamente pronto di nuovo a vestire la maglia del Milan per novanta minuti: Jack is back! Bonaventura ha avuto l’opportunità di volare con la squadra negli States per la tournée estiva e di ingranare i meccanismi del neo-allenatore prima negli allenamenti e poi in campo. Esordio stagionale alla terza e ultima partita della ICC contro il Manchester United al 78′ subentrando a Suso segnando il proprio rigore al termine dei novanta minuti. Il match vero e proprio che ha sancito la sua rinascita è stato quello in Kosovo contro il Feronikeli dove l’ex Atalanta gioca per 40 minuti e fa già capire ai suo compagni di reparto che quest’anno dovranno battagliare seriamente anche con lui per un posto da titolare.

Effetto domino a centrocampo: cosa potrà accadere?

Bonaventura cercherà sicuramente di riprendersi il prima possibile il posto da titolare lasciato libero il 27 novembre scorso per via dell’operazione alla cartilagine del ginocchio. Per Jack non sarà facile dal momento che ora oltre a Paquetà, ci sarà anche Suso, salvo non venga ceduto, a lottare per quella posizione. Il quesito che vaga per la mente di Giampaolo è questo: «chi devo lasciare giù?»Teoricamente visti i costi del cartellino e l’età, il neo-tecnico sarà più propenso a posizionare lo spagnolo trequartista con il brasiliano mezzala e Bonaventura subito pronto a subentrare o a partire da titolare in qualsiasi dei due ruoli qualora ce ne fosse bisogno. A questo punto però il centrocampo si ritroverebbe troppo affollato e con Krunic e Bennacer appena acquistati, Borini jolly e Biglia rittrovato-. Calhanoglu e Kessie potrebbero essere messi al porta, con il turco maggiormente indiziato a lasciare Milanello. Il mercato chiude il 2 settembre e Giampaolo avrà ancora 2 partite per decidere definitivamente quale strategia seguire ma fino ad allora i colpi di scena non mancheranno sicuramente.