Ancelotti: «Il Milan è l’unico club che mi ha lasciato fare il mio lavoro»

Ancelotti
© foto www.imagephotoagency.it

Sul Corriere della Sera di questa mattina sono state riportate le parole di Carlo Ancelotti che ha rilasciato una lunga intervista

Carlo Ancelotti, uno dei tecnici più vincenti della storia del Milan, ha rilasciato un’intervista al Corriere della Sera nella quale ha parlato dei suoi metodi di gestione della squadra e delle volte che una società ha provato a fargli cambiare questi metodi. Ancelotti attualmente allena l‘Everton in Premier League dopo essere stato esonerato dal Napoli. Ecco le sue parole:

«Mi dà fastidio che, quando le cose non vanno bene, mi dicano “Ah, bisogna usare la frusta, sei troppo buono, sei troppo gentile e accomodante coi giocatori!”. Ma dico: i dirigenti al mondo non conoscono come alleno? Non mi puoi prendere e poi dirmi di cambiare il mio modo non solo di allenare: il mio modo di essere. Perché io sono così, e così sono arrivati i successi. È successo anche al Chelsea, è successo al Psg… Ho vinto tanto, lo so, ma i momenti difficili ci sono stati dappertutto. Anche al Milan ci sono stati dei passaggi difficilissimi. Però superati. Ecco: forse il Milan è stato l’unico posto dove non mi hanno detto: “Usa la frusta!”. Perché mi conoscevano. Derby? Grande Milan nel primo tempo, grande reazione Inter nel secondo tempo. Di britannico c’era l’atmosfera fantastica di San Siro».