Romagnoli, il coraggio di un capitano diventato un simbolo: società esprime un paragone

© foto www.imagephotoagency.it

Sabato sera il Milan ripartirà non solo dai nuovi acquisti ma soprattutto da Alessio Romagnoli, nuovo capitano dopo Bonucci

Non solo i nuovi acquisti da presentare al San Paolo contro il Napoli ed al Meazza con la Roma, il nuovo Milan di Gattuso ripartirà dall’eccellenza, ovvero da un capitano ormai cresciuto e diventato punto di riferimento, dal quale costruire la squadra del futuro. La tournée americana ha consegnato, di fatto, la fascia (non necessariamente quella imposta dalla Lega) ad Alessio Romagnoli: come riportato da La Gazzetta dello Sport in edicola oggi, l’altro candidato a raccogliere l’eredità di Bonucci avrebbe dovuto essere Bonaventura, fresco di ventinovesimo compleanno«Ha cambiato mentalità». Queste le parole che Rino Gattuso usa più spesso per descrivere la crescita di Romagnoli nell’ultima stagione. Ora che c’è anche Paolo Maldini, tutto assume una valenza diversa, un peso specifico da Milan nel vero senso della parola, è così che Romagnoli vorrebbe essere: un capitano che possa fare la storia.

UN NUOVO INIZIO- Con il contratto rinnovato fino al 2022, nel momento più difficile del Milan in piena rivoluzione societaria, il ragazzo di Anzio si prepara a porre fine al periodo tribolato della fascia di capitano rossonera: De Sciglio, Muntari, Zapata, Montolivo e Bonucci, un lungo elenco di buoni giocatori non proprio giudicati all’altezza dai tifosi. Ma ora comincia una nuova era, il vecchio Milan nel nuovo Milan è forse quello che mancava per completare la famiglia e darsi finalmente delle regole chiare e precise.

IL COMMENTO DEL MILAN- «Una fascia importante. Alessio Romagnoli è stata l’unica luce in fondo al tunnel nei due mesi più delicati dell’estate rossonera, ed è amatissimo dai tifosi. Direttamente proporzionale la stima di cui gode nello spogliatoio. Senza chiamare in causa il Nesta del campo, Alessio è sobrio, asciutto, serio e disincantato fuori dal campo esattamente come lo era Sandro. Non è un paragone tecnico, ma di personalità. Ecco perchè la fascia di capitano ad Alessio è una buonissima cosa».

Articolo precedente
CaldaraNapoli-Milan, Musacchio favorito su Caldara: i motivi della scelta di Gattuso
Prossimo articolo
suso milanMilan, al San Paolo non si vince dal 2010: Higuain per invertire la rotta