Pagelle Milan femminile-Fiorentina 1-2: super Korenciova, difesa flop

Vitale
© foto www.imagephotoagency.it

Pagelle di Milan femminile-Fiorentina 1-2, Super Korenciova non basta, cuore Giacinti, male Hovland e Vitale, ecco i voti

Korenciova 8 (la migliore): Doppio miracolo nel primo tempo sui tiri ravvicinati di De Vanna e Guagni, attenta e lucida anche nella ripresa, incolpevole sui due gol viola

Bergamaschi 5.5: Spinge sulla corsia destra ma rischia troppi contropiedi, Guagni a volte diventa imprendibile. Ripresa malino, troppi errori in transizione.

Hovland 5: Match discreto nel primo tempo, male nella ripresa. Poco precisa nell’impostazione.

Vitale 5.5: Rischia molto nel primo tempo, De Vanna riesce sempre a imbucarsi tra le linee. Ripresa in affanno.

Tucceri 6.5: Cuore, spinta e qualità, prestazione sopra le righe per la terzina rossonera, una certezza per Maurizio Ganz.

Conc 6: Primo tempo buono. Fase di interdizione discreta, lotta come può, nella ripresa cala e viene sostituita con Zigic 6 (78′), entra e spinge sulla sinistra ma non brilla.

Jane Refiloe 6: Soffre il centrocampo viola. La sua impostazione è discreta, ma tante volte viene raddoppiata e chiusa tra le linee. Il gioco rossonero passa molte volte dalle fasce e lanci lunghi

Mauri 6: Bene, molte volte cerca la verticalizzazione. È suo l’assist per il vantaggio rossonero. Nel finale dentro Begic (SV)

Longo 5.5: Si divora il vantaggio nel primo tempo, mostra carattere in fase offensiva, cala nella ripresa. Al suo posto Sara Tamborini 6 (68′) giocare a certi livelli non è facile. Lei mostra personalità e qualche kampo di qualità

Salvatori Rinaldi 6: Primo tempo un fantasma, secondo tempo segna e porta in vantaggio le rossonere. Nel complesso sufficiente

Giacinti 6: Lotta con tanto cuore e tanta grinta, con la palla rende sempre l’idea di essere pericolosa, le manca il goal e supporto offensivo.

Ganz 6: Deve fare a meno di diverse giocatrici. La rete Viola del pareggio è in netto fuorigioco. Milan con carattere per 65 minuti, spento successivamente da Guagni e Bonetti