Milan-Verona, probabili formazioni: Cutrone al centro dell’attacco

Bonaventura
© foto www.imagephotoagency.it

Domani dalle ore 18 Milan e Verona si affrontano nel primo anticipo del turno 36 del campionato di serie A. Gattuso conferma l’undici di partenza ma tiene a riposo Romagnoli

Milan e Verona si affrontano per la terza volta in stagione, la seconda a San Siro. La prima gara in Coppa Italia il 13 Dicembre al Meazza, 3-0 firmato Suso, Romagnoli e Cutrone. 4 giorni dopo, la squadra di Gattuso crolla al Bentegodi con lo stesso risultato, il Verona gioca la sua partita più bella della stagione, mostrando a tratti un gioco più da Champions che da retrocessione. 5 mesi dopo, le due squadre si ritrovano di fronte, la situazione di classifica è rimasta identica: Milan a lottare per l’Europa League mentre gli scaligeri per una salvezza ormai sempre più lontana. per la gara di domani, in programma a Milano dalle ore 18, Gattuso sembrerebbe intenzionato a confermare Cutrone al centro dell’attacco e Locatelli a centrocampo al posto di Biglia. Bonucci sta bene dopo gli acciacchi di domenica scorsa mentre Romagnoli torna in gruppo ma ovviamente punta alla migliore condizione per la finale di Coppa Italia. Abate potrebbe invece prendere il posto di Calabria sull’out di destra.  Pecchia ripropone il 4-3-3. In avanti, nonostante il recupero di Kean, dovrebbero esserci Verde, Cerci e Matos. A centrocampo conferma per Romulo e Calvano, si ferma Valoti, al suo posto Fossati, in vantaggio su Zuculini. In difesa Vukovic e Caracciolo centrali, Ferrari e Fares sulle fasce. Qualche problema per Nicolas, al suo posto pronto Silvestri tra i pali.

MILAN (4-3-3): Donnarumma; Abate, Bonucci, Zapata, Rodriguez; Kessiè, Locatelli, Bonaventura; Suso, Cutrone, Calhanoglu. All. Gattuso

VERONA (4-3-3): Silvestri; A. Ferrari, Caracciolo, Vukovic, Fares; Romulo, Fossati, Calvano; Matos, Cerci, Verde. All. Pecchia

Articolo precedente
Milan, Gattuso getta le basi del futuro: giocatori esperti e soprattutto vincenti
Prossimo articolo
europa leagueMarsiglia in finale, ecco perchè il Milan vuole l’Europa League