Milan, Cesena come un ko tecnico: serve un attaccante

Maldini
© foto www.imagephotoagency.it

Milan in balia del Cesena nell’ultima amichevole estiva, novanta minuti di possesso palla e l’unica occasione buona va ai romagnoli

Milan-Cesena 0-0 grazie a Donnarumma che nel finale compie un autentico miracolo, muovendosi per la prima volta nell’arco dei 90 minuti ma facendolo in maniera decisiva, salva faccia per essere un po’ più cinici. Si perchè se in quei minuti fosse arrivato l’1-0 dei padroni di casa sarebbe stato come perdere una finale, insomma il calcio estivo che si trasforma in storia. Così non è andata ma il pari arriva anche “grazie” alla mancanza di azioni da goal, a parte un possesso palla sterile del quale Piatek se ne fa poco e niente.

GIAMPAOLO FA MURO

Giampaolo prende le difese del suo centravanti, parlando di condizione atletica ancora approssimativa, il campo effettivamente ha evidenziato un giocatore non ancora a suo agio con le nuove indicazioni tattiche e scollegato dal resto della squadra. E pensare che appena arrivato a Genova ha fatto meraviglie, così come al Milan nel mese di Gennaio.

SOCIETÀ SCOSSA: SERVE UN ATTACCANTE DA MILAN

Per questo motivo, le ultime due settimane di mercato saranno particolarmente preziose per Maldini, Boban e Massara, al fine di riordinare le idee e decidere come muoversi per completare un reparto offensivo nel quale anche Castillejo non convince e con un Leao ancora tutto da inserire in un contesto completamente diverso da quello vissuto in Francia fino ad ora.

CORREA SEMPRE NUMERO UNO

Correa continua a rappresentare la priorità in entrata, anche se prima, o contemporaneamente, ci sarà da vendere Andrè Silva, apparso ieri un giocatore da Cesena più che da Milan. Nelle scorse ore il nome di Mariano Diaz del Real Madrid è tornato in auge, diverso per caratteristiche da Correa e dai costi sicuramente più accessibili, considerando che Zidane non lo considera tra i titolari e che il Real lo cederebbe volentieri, prestito o definitivo. Milan attento dunque ma sempre cauto per quanto riguarda gli acquisti non ripagati dalle vendite.

COSA SERVE A PIATEK

Mariano Diaz, lo abbiamo detto, è un giocatore che potrebbe risultare la soluzione ideale per il Milan, data sua duttilità e la capacità di fungere da alternativa a Piatek nel ruolo di prima punta ma anche di proporsi come spalla del polacco. I 21 goal e 6 assist con il Lione della stagione 2017/18 portano il Milan a considerare fattibile tale operazione, anche se i rossoneri hanno già speso 35 milioni di euro per Leao che ad oggi risulta infortunato e molto indietro rispetto al resto del gruppo.

TIRARE IN PORTA

A Piatek serve sicuramente una spalla capace di aprire l’area di rigore avversaria ma ciò di cui necessità maggiormente il polacco sono i palloni giocabili da trasformare in tiri in porta. Un limite enorme della squadra di Giampaolo, riscontrato al termine delle amichevoli estive.