Manovre a centrocampo: Gattuso si deve inventare il vice-Kessié

kessie
© foto www.imagephotoagency.it

Mancano poche ore alla sfida della Ludogorets Arena contro la squadra bulgara per i sedicesimi di finale di Europa League: Gattuso, intanto, studia le possibili mosse anti-Samp, dove mancherà Kessié

Cresce l’attesa in casa Milan per la delicata partita di andata contro il Ludogorets in trasferta. Una partita da non sbagliare assolutamente per non rischiare tutto in casa settimana prossima. Gattuso, secondo le ultime indiscrezioni della vigilia, schiererà i titolarissimi a dimostrazione di come il tecnico non intenda sottovalutare l’avversario e che voglia cercare di archiviare la pratica già dopo il match di andata. In campo ci sarà, tra gli altri, anche Franck Kessié che sarà costretto a saltare per squalifica la sfida di domenica sera in casa contro una diretta rivale per l’Europa come la Sampdoria di Marco Giampaolo. L’ivoriano, come detto più volte, non ha un’alternativa vera e pertanto Montella prima e Gattuso poi lo hanno schierato praticamente sempre – solo una volta in Europa League ha riposato – nell’arco della stagione.

Contro la Sampdoria potrebbe tornare protagonista Manuel Locatelli: il classe ’98 non rappresenta una delle primissime scelte di Gattuso ma il tecnico calabrese sa di dover e poter contare su tutti gli elementi della rosa per poter arrivare, alla fine, a giocarsi qualcosa in ognuna delle competizioni in cui il Milan è in gioco. Locatelli ha nelle corde alcune delle caratteristiche di Kessié – da mezzala l’ex Primavera sa giostrare bene – sebbene non abbia quelle qualità fisiche e la capacità d’inserimento proprie dell’ex Atalanta. Gattuso, in attesa della gara di questa sera, riflette anche in ottica Sampdoria. Perché, infatti, il lasso di tempo – poco più di due giorni – tra un match e l’altro non dà modo ad ulteriori esperimenti in allenamento.

Articolo precedente
Andrea BelottiIl Milan segue Belotti: Cairo alza la voce
Prossimo articolo
Milan, tra Europa League e mercato: uno sguardo a Reus e Weigl