Correa, Atletico fermo alla richiesta di partenza: Milan alle strette

Angel Correa
© foto www.imagephotoagency.it

Correa sempre più distante da Milano nonostante la volontà del giocatore di vestire la maglia rossonera e lasciare quella dell’Atletico

Correa sempre più a Madrid e sempre meno a Milano, pochi giorni ancora per decidere che fare, prima di salutare definitivamente il giocatore, almeno fino a Gennaio. Corriere dello sport di oggi, ribadito anche da Gazzetta, titola la situazione in maniera drastica ma efficace per capire come siano effettivamente gli umori da una parte e dall’altra, con il giocatore in mezzo che per il suo futuro avrebbe già scelto i rossoneri: “Milan, porte chiuse per Correa”.  Il club spagnolo chiede 50 milioni di euro, una cifra considerata troppo alta dai rossoneri, come ribadito più volte in questi mesi.

DETTAGLI DI UN AFFARE IN SALITA- L’accordo con il giocatore, come detto, è arrivato tempo fa, contratto quinquennale da 3-3.5 milioni di euro, accettato di buon cuore dall’argentino. Come riportato ieri dal quotidiano spagnolo Cadena Ser, i Colchoneros avrebbero però rifiutato l’ultima proposta rossonera basata un prestito biennale oneroso da 10 milioni di euro e 25 con diritto di riscatto, con l’obbligo che scatterebbe solo nel caso l’attaccante argentino giocasse almeno 45′ in 45 gare.

FINO ALLA FINE- Il tutto per un totale di 35 milioni di euro. Cifra molto più bassa rispetto alle richieste di 40-45 milioni ma il problema risiede nel fatto che ormai manchino 4 giorni alla fine del calciomercato e il tempo del tira e molla è praticamente finito, anche se fino all’ultimo le sorprese sono sempre in agguato, come fu per Ibra al Milan.

NESSUNA NECESSITÀ DI VENDITA- Il quadro che emerge ampiamente da questa situazione è la differenza relativa alla necessità di vendere da parte dei due club. Da una parte il Milan che “svende” Cutrone per fare cassa, dall’altra un club che sta bene e che si può permettere di tenere un giocatore di tale valore, contro la volontà dello stesso (Correa vorrebbe il Milan) e che molto probabilmente giocherebbe poco nella squadra allenata da Simeone. Difficile trattare in queste situazioni.