Conferenza Pioli: «Ibra sta bene, spiace per Rebic. L’inter ha punti deboli»

Pioli
© foto Stefano Pioli, tecnico del Milan

Conferenza Pioli LIVE: le parole del tecnico rossonero alla vigilia del derby di campionato in programma domani a San Siro Inter-Milan

Conferenza Pioli: il tecnico rossonero interviene, come di consueto, in conferenza stampa da Milanello alla vigilia della prossima giornata di campionato: il derby Inter-Milan a San Siro domani alle 18.


Conferenza Pioli LIVE

MILAN ATTUALE – «Il Milan ha la propria identità, il suo modo di stare in campo e di giocare ma nel nostro lavoro gli esami non finiscono mai. Sarà difficile ma l’importante è stato prepararsi bene anche se abbiamo avuto poco tempo ma questo vale anche per i nostri avversari».

DERBY – «Che sia una partita importante e sentita lo sentiamo anche senza, purtroppo la presenza del pubblico. Noi dobbiamo cercare di giocare bene, meglio dei nostri avversari per cercare di portare a casa il miglior risultato possibile».

IL PERCORSO DEL MILAN DI PIOLI – «Il nostro è un percorso cominciato un anno fa, ma è ancora iniziale perché abbiamo ampi margini di miglioramento. Da tutti l’Inter è pronosticato come il probabile vincente del campionato ma domani scenderemo in campo per fare meglio di loro».

COME SI ARRIVA AL DERBY – «Speravo di arrivare al derby con tre vittorie in campionato e passare i preliminari, sapevamo che non sarebbe stato facile ma arriviamo al derby bene».

BATTERE L’INTER – «Battere un avversario forte come l’Inter ci darebbe tantissimo entusiasmo e ancora più fiducia nelle nostre qualità. Dobbiamo pensare ad una partita alla volta continuando a lavorare come stiamo facendo. Adesso è inutile pensare a quello che succederà dopo perché ora dobbiamo pensare solo a giocare a meglio».

IBRAHIMOVIC – «Ibra il problema ce l’ha avuto ma l’ho ritrovato come è sempre stato: sorridente, positivo, volitivo, generoso, determinato, trascinatore. Sta bene ma è chiaro che ha avuto solo una settimana di allenamenti. Non so quanto potrà avere di minutaggio nel corso della gara, ma sta bene ed è pronto per giocare».

IL DERBY DELLA PASSATA STAGIONE – «Tutte le partite servono per capire a che punto sei e per consolidare tutte le note positive. Il derby ci darà di capire a che punto siamo nel nostro percorso di crescita. Credo che la sconfitta dell’anno scorso ci sia servita perché abbiamo dimostrato di avere qualità giocando alla pari di un avversario molto forte e ci ha fatto capire che bassa abbassare un attimo l’attenzione per perdere quanto di buono fatto. Quella sconfitta ci ha fatto maturare molto».

NAZIONALI – «Abbiamo lavorato bene comunque e siamo alla pari con i nostri avversari perché anche l’Inter ha avuto le stesse problematiche»

HAUGE – «Hauge mi ha fatto una buonissima ambizione, è un ragazzo sveglio e attento con grandi qualità. Viene da un paese con abitudini diverse ma si sta già inserendo bene, anche con la lingua si sta già impegnando molto».

REBIC – «Rebic credo che non sarà disponibile per domani e nella prossima settimana farà un nuovo controllo per capire quando potrà tornare»

PREPERAZIONE – «Abbiamo lavorato molto su noi stessi, chiaramente non abbiamo tralasciato le loro posizioni con scalate ed uscite adeguate. E’ un Inter forte, fortissima ma come tutte le squadre può avere dei punti deboli».

PAROLE DI DONNARUMMA – «Sono sempre d’accordo con quello che dicono i miei giocatori perché se lo dicono significa che lo sentono».

CHE MILAN SARA’ – «Il nostro modo di giocare sarà intenso e non di attesa come anche quello dell’Inter, sulla carta dovrebbe essere una partita spettacolare». 

KJAER – «Kjaer sta dando un apporto di alto livello sia dentro che fuori dal campo. Stiamo parlando di un professionista ineccepibile che porta la propria esperienza nel campo. Il ritorno di Romagnoli ci permette di ritrovare quei meccanismi sul quale abbiamo lavorato». 

CONFRONTO CON CONTE – «L’invidia è un sentimento che non mi appartiene perché amo quello che faccio, questo ambiente e i miei giocatori. Le differenza tra me e Antonio? I colleghi li conosco ma per come studio le loro strategie ma non gli conosco personalmente. Sono tante le cose che non conosco per poter esprimere un giudizio». 

DIFFERENZE COL PASSATO – «La più grande differenza tra il Milan di adesso e quello che ha affrontato l’Inter a febbraio è il fatto di essere più consapevoli della nostra forza. Giochiamo da diverso tempo tutti insieme e con questo modulo». 

TRE VITTORIE – «Vincere non è mai facile e non è stato facile battere il Crotone, il Bologna e lo Spezia. Il rientro di Zlatan sarà sicuramente uno stimolo in più». 

L’ASSENZA DI REBIC – «L’assenza di Rebic è un assenza importante perché stiamo parlando di un giocatore determinante non solo in zona gol. Ci manca un giocatore importante ma fortunatamente ne ho altri a disposizione». 


Inter-Milan streaming e diretta tv

Inter-Milan è in programma sabato 17 ottobre 2020 alle ore 18:00. La partita sarà in diretta esclusiva su Sky Sport Serie A (canale 202) e Sky Calcio 251. Il collegamento inizierà con il pre partita, analisi e voce di alcuni protagonisti prima dell’inizio del match.