Biglia, ci siamo: il rientro è ormai prossimo

© foto Mg Roma 25/02/2018 - campionato di calcio serie A / Roma-Milan / foto Antonello Sammarco/Image Sport nella foto: Lucas Biglia

Biglia vicinissimo al rientro, l’argentino tra qualche giorno sarà pronto per essere convocato da Gattuso, subito dopo la Roma

Proseguono anche se con tempi leggermente diversi i recuperi degli infortunati Lucas Biglia e Mattia Caldara. I due giocatori, assenti praticamente da inizio anno, stanno completando il proprio periodo di lavoro differenziato e intorno alla metà di febbraio potranno ricominciare ad allenarsi col gruppo (l’argentino in parte l’ha già fatto). Se per Biglia il secondo mese dell’anno solare potrebbe essere quello propizio per rivederlo in campo, per Caldara probabilmente occorrerà aspettare marzo considerando anche la preparazione parziale compiuta dal giovane difensore infortunatosi nei primi giorni trascorsi a Milanello.

Il mancato acquisto di possibili sostituti nella sessione di calciomercato invernale tuttavia confermano la volontà da parte dei rossoneri di puntare forte sui due giocatori attualmente in rosa e in fase di recupero. Caldara, arrivato in scambio secco con Bonucci in estate, è stato presentato come uno dei prospetti italiani più interessanti ma non ha praticamente mai avuto modo di dimostrarlo in maglia rossonera. Biglia, ad oggi, potrebbe non ritrovare più lo stesso spazio come ad inizio stagione complice soprattutto la crescita esponenziale di Bakayoko e l’arrivo di Paqueta.

BIGLIA A BREVE- Lucas Biglia è ormai assente da novembre. Per quanto concerne il mediano argentino ci sono buone notizie per i tifosi rossoneri: è ormai prossimo al rientro in campo. Il giocatore sta gradualmente tornando ad allenarsi a pieno regime con il resto del gruppo puntando alla sfida con il Cagliari, gara di campionato del 10 febbraio, per la quale il giocatore dovrebbe tornare fra i convocati di Gattuso, ovviamente partendo dalla panchina .

Articolo precedente
Piatek, salgono le aspettative: la Coppa Italia ha già creato il mito
Prossimo articolo
SarriHiguain, anche Sarri lo deve ammettere: «Non è in condizione»