Betis Siviglia-Milan in streaming e diretta tv: ecco dove vederla

Betis Siviglia
© foto www.imagephotoagency.it

Quarta giornata di Europa League 2018/19 per il Milan c’è il Betis Siviglia: ecco dove vederla in streaming e tv

Questa sera il Milan sfiderà il Betis Siviglia in trasferta, la squadra rossonera si giocherà il primo posto nel girone e la reputazione continentale sfidando gli spagnoli in una gara delicata ma che arriva dopo tre successi consecutivi per la squadra di Gattuso che nelle scorse settimane ha battuto Sampdoria, Genoa e infine Udinese. Formazione obbligata per il tecnico calabrese che oggi dovrà scegliere accuratamente gli uomini da impiegare anche in vista della sfida di domenica prossima contro la Juventus a San Siro. SEGUI LA DIRETTA LIVE DI BETIS SIVIGLIA-MILAN SU MILAN NEWS 24! 

Betis Siviglia-Milan in streaming e diretta tv: ecco come vederla

Betis Siviglia-Milan in Diretta tv e Live-Streaming: il match di Europa League, in programma giovedì 8 novembre alle 21:00, sarà trasmesso sia via satellite sulla piattaforma Sky – Sky Sport Uno e Sky Sport canale 252 – che sul Digitale Terrestre canale 382 oltre a SkyGo, il servizio streaming riservato agli abbonati Sky per la visione su pc, smartphone e tablet. Clicca qui per abbonarti gratis per un mese a DAZN. 

Betis Siviglia-Milan, ultime e probabili formazioni

Formazione obbligata per Gennaro Gattuso che deve tenere conto di tante defezioni questa sera contro il Betis Siviglia. Come di consueto in Europa League torna Pepe Reina a difendere i pali del Milan, in difesa possibile schieramento a tre con Musacchio, Zapata e Rodriguez supportati sugli esterni da Borini e Laxalt; centrocampo con Calhanoglu dietro le due mezzali Kessié e Bakayoko mentre in avanti Suso giocherà dietro Cutrone per dare maggiore imprevedibilità al reparto avanzato. Una sorta di 3-5-1-1 che permetterebbe a Gattuso di cambiare in corsa con la possibilità per Borini di allinearsi agli altri tre di difesa quando la squadra non sarà in possesso di palla ma al contempo, nelle fasi di possesso,  darebbe ampio margine a Laxalt di spingere sulla corsia sinistra andando a formare un tridente avanzato con Cutrone al centro e Suso sulla destra.

Betis (3-5-2): Lopez; Sidnel, Bartra, Mandl; Firpo, Lo Celso, Carvalho, Canales, Barragan; Sanabria, Leon. All. Setién

Milan (3-5-1-1): Reina; Musacchio, Zapata, Rodriguez; Borini, Kessié, Bakayoko, Calhanoglu, Laxalt; Suso; Cutrone. All. Gattuso

Betis Siviglia-Milan, i precedenti

Tre gare ufficiali, fra Milan e Betis, furono l’andata e il ritorno dei sedicesimi di finale della Coppa delle Coppe, vinta poi dall’Anderlecht, nella stagione 1977-78. All’andata prevalse il Betis per 2 a 0, al ritorno il Milan, per 2 a 1 (reti di Tosetto e Capello, per i rossoneri). Naturalemente, furono i biancoverdi a qualificarsi, venendo poi eliminati ai quarti con un secco 3 a 0 dalla Dynamo Mosca. L’ultimo confronto vide ancora vincitore il Betis: al Ruiz de Lopera (stadio di Siviglia) un rigore trasformato da M. Gonzales consegnò la partita alla squadra di casa, il 9 agosto 2007, esattamente undici anni fa. Mentre è negativo l’ultimo precedente disputato alla terza giornata del girone e che ha visto gli spagnoli vincere 2-1 a San Siro. Un bilancio sfavorevole ai rossoneri, quindi, con un totale di tre partite perse e una sola vinta contro il Real Betis. L’ultimo confronto tra le due squadre è avvenuto lo scorso anno in amichevole a Catania: a trionfare anche in quella occasione furono gli spagnoli per 2 reti a una.

Betis Siviglia-Milan: l’arbitro

Sarà l’inglese Craig Pawson l’arbitro di Betis Siviglia-Milan, gara valida per la quarta giornata del Girone F di Europa League. Ecco la squadra arbitrale al completo:

Arbitro: Craig Pawson (ENG)
Assistenti arbitrali: Lee Betts (ENG) – Ian Hussin (ENG)
Assistenti addizionali: Jonathan Moss (ENG) – Chris Kavanagh (ENG)
Quarto uomo: Constantine Hatzidakis (ENG)

Articolo precedente
Shevchenko, già pronto per Milan-Juve: gli auguri del campione tra i ricordi più belli
Prossimo articolo
SusoIl primo allenatore di Suso: «Era diverso da tutti gli altri»