Rassegna stampa di Lunedì 4 Febbraio

Stampa Rassegna
© foto @Twitter

Rassegna di Lunedì 4 Febbraio 2019 di MilanNews24: ecco le prime pagine di Gazzetta dello Sport, Corriere della dello sport e Tuttosport

GAZZETTA DELLO SPORT

Rassegna stampa, prima pagina centrale della rosea dedicata al disastro Inter, i nerazzurri escono dal Meazza tra i fischi, dopo la sconfitta per 1-0 con il Bologna: fischi a San Siro, il Bologna vince 1-0. Ultima spiaggia. Inter disastro, impresa Mihajlovic al debutto. Spalletti in bilico e sconfortato: «Se non fai punti vai a casa». Sabato a Parma è decisiva. Sulla colonna di destra il Milan che nonostante i passi falsi nerazzurri non riesce a limare sensibilmente la distanza con il terzo posto. Poco importa se pensiamo che terzo o quarto posto cambi poco se non a fornire maggiore tranquillità in chiave Champions. Gazzetta promuove la gara rossonera nonostante un gioco a tratti smarrito, lento e molto difensivista come ammesso in parte a Gattuso nel dopo partita. Focus su Piatek: Piatek c’è. Milan su. Guizzo polacco. Zaniolo fa 11. Tanta Roma.

CORRIERE DELLO SPORT

Anche sul Corriere si parla di Inter al centro della prima pagina: Inter Battuta anche dal Bologna di Sinisa (0-1). Affondato. Terza sconfitta consecutiva, coppa compresa. Spalletti in piena crisi azzarda ranocchia attaccante. San Siro fischia. «Non mi sento in discussione, la squadra mi segue. Taglio alto dedicato a Roma-Milan: Gigio para la Roma. Il riferimento è alla prestazione da applausi di Donnarumma, il numero 99 rossonero ha salvato il risultato in più occasioni ed è assolutamente esente da colpe sul goal di Zaniolo, propiziato da un disimpegno errato di Musacchio che nel tentativo di liberare l’area da un pallone pericoloso sporca il tiro proprio verso Donnarumma che devia in qualche modo prima che Zaniolo si avventi sul pallone.

TUTTOSPORT

Il quotidiano piemontese riconosce il fenomeno Piatek, in alto a destra un piccolo spazio dedicato al centravanti polacco, autore di un’ottima prestazione, considerando che alla prima vera occasione va in goal e poi fatica per 90 minuti per avere altri palloni giocabili. Altri al suo posto si sarebbero fatti venire una crisi isterica.