Connettiti con noi

HANNO DETTO

Giroud: «Felicissimo al Milan, vi dico perchè non ho scelto l’Inter»

Pubblicato

su

Olivier Giroud si è raccontato a tutto tondo in una lunga intervista al quotidiano inglese The Guardian: le sue parole

Olivier Giroud, centravanti del Milan, ha rilasciato una lunga intervista al The Guardian. Le sue dichiarazioni:

SUL FUTURO CON LA FRANCIA: «Non credo che dirò mai che mi ritirerò dalla nazionale. Se il manager ha bisogno di me, andrò. Non ho mai chiesto a Frank Lampard di giocare quando ero al Chelsea, per esempio. Quando non giocavo, ero frustrato ma ho continuato a fare del mio meglio e a cercare di aiutare la squadra a raggiungere l’obiettivo. Quando dovevo andarmene [era previsto un trasferimento all’Inter nel gennaio 2020], gli ho detto: ‘Guarda, non mi stai facendo giocare, sono la terza scelta, quindi lasciami andare’. Ma lui ha detto che mi avrebbe dato una possibilità. Mi ha dato quella possibilità e ho fatto il mio lavoro in campo, ho segnato otto gol in 11 partite e ho aiutato la squadra a qualificarsi per la Champions League. Ora è lo stesso con la nazionale. È semplicemente che se il manager ha bisogno di me, mi chiamerà, altrimenti non lo farà. Sono concentrato al 100% sul Milan e sull’essere decisivo ed efficace per il mio club. Vediamo cosa succede».

SULLA VITTORIA DELLA NATIONS LEAGUE: «Inoltre, a quanto pare io e N’Golo Kanté possiamo avere delle medaglie per la Nations League [nonostante non abbiamo giocato le fasi finali] perché siamo stati molto coinvolti nelle qualificazioni. Quindi è una bella aggiunta al mio albo d’oro, no?».

SUI TRASCORSI IN INGHILTERRA: «Ho lasciato tanti amici all’Arsenal e al Chelsea e quando incontro la gente per strada e mi dicono ‘grazie per quello che hai fatto, ci manchi’, ti fa sentire come se ti fossi guadagnato il rispetto della gente».

SULLE CRITICHE: «Non l’hanno detto in faccia”, dice. Quando la gente ti critica, la maggior parte delle volte è dietro un computer o un account di social media. Non guardo molto di quello che viene detto su di me. So quando ho giocato bene e quando non sto facendo bene. Quando leggi le cose, devi sapere cosa prendere dal messaggio: la cosa più importante è cogliere le cose positive che puoi fare, non prestare troppa attenzione a quelle negative».

SU BENZEMA: «Per tutta la mia carriera in nazionale mi hanno opposto a lui, mettendo uno contro l’altro.  C’erano i pro-Benzema e i pro-Giroud. Ho sempre detto che non ho nessun problema con lui e mi piaceva giocare con lui, ma era una cosa mediatica per far capire che eravamo sempre in lotta tra di noi. Non è mai stato vero. Benzema una macchina di Formula Uno e Giroud un semplice go-kart?  Questo mi ha fatto ridere. Ovviamente quando stai chattando su una cosa in diretta sui social media e ti viene chiesto chi è meglio – Benzema o Giroud – e sai che è un tuo fan, ha dovuto dire qualcosa del genere. Ho pensato che fosse abbastanza divertente. In seguito la gente sui social media mi ha mandato tante foto di lui in una macchina di Formula Uno e io in un go-kart con la Coppa del Mondo, dicendo che era un po’ di gelosia o altro. Ma io non ho detto niente del genere. Ho solo preso tutto con un sorriso».

SULLA LITE COM MBAPPE: «Era una cosa piccola. Era arrabbiato per un paio di giorni, anche se gli ho spiegato che non stavo puntando il dito contro di lui. Non volevo essere duro con nessuno. Avevo appena risposto a una domanda di un giornalista dopo la partita. Questo è tutto. I media hanno cercato di ingigantire la cosa e di dire che ha rovinato l’atmosfera tra la squadra. Ma andiamo! Abbiamo avuto una conversazione tra adulti e non è stato un problema».

SUGLI ULTIMI EUROPEI: «Volevamo davvero vincere, soprattutto dopo aver perso la finale di Euro 2016 in casa contro il Portogallo, che è stato molto doloroso. Avevamo la squadra più forte sulla carta. Ci mancava solo forse un po’ di sangue freddo contro la Svizzera. Non lo so davvero, ma quando sei in vantaggio per 3-1 a 10 minuti dalla fine, non può succedere di subire due gol e perdere ai rigori. Ma poi, questo è il bello del calcio, tutti possono battere la migliore squadra del mondo. Niente è scritto in anticipo».

SUL SUO RAPPORTO CON LA FEDE: «Credo nella storia di Gesù nella Bibbia e che sia per portarci più umiltà. La sofferenza è una parte fondamentale della vita. Costruisce la tua personalità come essere umano. Ecco da dove viene la mia forza mentale. Ho sempre dovuto affrontare le difficoltà, come tutti nella vita. Niente è facile nella vita, devi afferrarlo e uscire dalla tua zona di comfort. La mia fede mi ha aiutato ogni singolo giorno, soprattutto quando ho dovuto prendere grandi decisioni. Per esempio, potete capire dal mio libro perché non sono andato all’Everton e perché sono rimasto al Chelsea invece di firmare per l’Inter. Una cosa che vi dirò è che Dio ha un piano per ogni singola persona sulla terra. Noi facciamo il nostro percorso e il Signore stabilisce il ritmo. ‘Dovrai fidarti di Dio per quanto riguarda il tuo futuro’ e c’era una specie di previsione che non sarei entrato in nazionale questa volta. Tante cose che si sono rivelate vere, credo che siano segni di Dio in cielo».