Milanello, meeting tra Fassone-Mirabelli e Gattuso: i tre sono più uniti che mai

Gattuso Mirabelli
© foto Twitter @AcMilan

Massimiliano Mirabelli, Marco Fassone e Gennaro Gattuso sono stati visti parlare lungamente nel corso della mattinata a Milanello. Un segnale di unità che fa bene all’intero ambiente rossonero

Giornata di riflessioni razionali a Milanello dove oggi i due maggiori esponenti della dirigenza italiana, Fassone e Mirabelli, hanno discusso lungamente con Gennaro Gattuso parlando oltre che del finale di stagione anche della programmazione per la prossima stagione. Un segnale di unità fondamentale nella settimana seguente alla disfatta contro il Benevento per intraprendere un percorso coerente che possa permettere al Milan di puntare all’accesso della Champions League nella stagione 2018/19. Massimiliano Mirabelli, leggi cos’ha detto il DS ieri, resta dunque ben saldo al comando della posizione di direttore sportivo allontanando ogni tipo di voce, da noi sempre smentita, riguardo la ricerca del Milan di un possibile sostituto. Tra le varie questioni affrontare da triunvirato rossonero anche l’aspetto logistico riguardo alla tournée dell’estate prossima, il Milan ha già ufficializzato la propria partecipazione alla prossima International Champions Cup, ma con la possibilità di dover disputare i preliminari di Europa League in caso di settimo posto e non vittoria della Coppa Italia occorre massima chiarezza.

Oggi Walter Sabatini, ex direttore sportivo di Roma e Inter, ha ufficialmente smentito ogni tipo di dialogo o abboccamento con la dirigenza rossonera, la volontà di Fassone ma anche della proprietà cinese è quella di mantenere Mirabelli nella propria posizione di direttore sportivo affiancandogli un elemento di spicco che segni una linea di continuità tra lo storico Milan di Berlusconi e quello attuale di proprietà di Yonghong Li: Paolo Maldini?

Articolo precedente
Serie A, prossimo turno decisivo anche per la coppa Italia: Juventus in bilico
Prossimo articolo
BernardCalciomercato Milan, bocciato l’arrivo di Bernard: ecco il motivo