Milan, Piatek come Gilardino ma l’ex attaccante aveva qualcosa in più

© foto www.imagephotoagency.it

Gilardino e il Milan una storia che portato ad una Champions nel 2007, ora l’ex attaccante allena e cerca un paragone con Piatek

Gilardino torna a parlare del Milan in occasione della “rinascita” rossonera marcata Piatek, del quale ha detto una cosa molto interessante, sicuramente discutibile. L’ex attaccante rossonero, campione d’Europa con il Milan nel 2007, allena il Rezzato in serie D. L’ex attaccante di Milan, Fiorentina e Parma ha dichiarato in un’intervista alla Gazzetta dello Sport: «Da tecnico si dorme pochissimo, perché la testa è sempre piena di cose. Se avessi paura dell’esonero, dovrei cambiare mestiere». 

IL MONZA DI GALLIANI- «C’era stata una telefonata con Galliani per il Monza, ma niente di più: nessun club mi ha cercato sul serio. Ho deciso in fretta e sono contento di averlo fatto. Non ho rimpianti, ho smesso di giocare al momento giusto. I sei mesi in Cina sono stati un’esperienza importante. Sono sempre riuscito a tenere un atteggiamento distaccato, mi godevo i momenti nel modo appropriato, quindi so dare il giusto peso a Champions e Serie D». 

MEGLIO DI PIATEK- «Quale attaccante mi assomiglia? Dicono Piatek: ha avuto un impatto pazzesco col Milan, non me l’aspettavo. Però forse io ero più forte di testa. Lippi è un grande nel gestire il gruppo, al Mondiale 2006 abbiamo fatto qualcosa di unico. Pioli è molto preparato, avendo lavorato con Gasperini al Genoa capisco come mai lìAtalanta giochi così bene».

Dunque Gilardino riapre una questione molto interessante e molto discussa, relativa ai goal di testa del Milan, l’ultimo è proprio quello di Piatek contro l’Atalanta, prima di lui il vuoto. Non è una peculiarità rossonera, su questo l’ex attaccante ha ragione, ovvero lui segnava molto di testa ma è chiaro che parliamo di due giocatori completamente diversi. Piatek i goal di testa li farebbe anche se solo arrivassero palloni giocabili dagli esterni. Lo ha dimostrato a Bergamo e negli ultimi tempi ha dovuto pensare più alla sostanza che alla modalità, ovvero prima di tutto buttarla dentro con qualsiasi cosa, anche di ginocchio.