Milan-Napoli bis, Martedì qualcosa cambierà

Gattuso
© foto www.imagephotoagency.it

Milan-Napoli, martedì si replica sempre a San Siro, quarti di finale di Coppa Italia, Gattuso potrebbe cambiare qualcosa dall’undici titolare

Milan-Napoli, martedì sera si torna in campo come fosse una gara di ritorno ma da giocare sempre a San Siro. Ci si aspettava qualche goal sabato sera e magari una gara più tirata nel quarto di finale di Coppa Italia, gara secca da dentro o fuori. Per il momento siamo qui a raccontare di un altro 0-0 al Meazza dopo quello dell’anno scorso, nel quale Donnarumma tolse definitivamente ogni possibilità di scudetto alla squadra azzurra con una parata miracolosa nel finale. Anche ieri il portierone rossonero si è distinto per le sue parate salva risultato, il resto della squadra si è comportato in maniera sufficientemente corretta, è mancato il goal, motivo per cui presumibilmente martedì sera Gattuso potrebbe cambiare qualcosa, non è una gara da esperimenti (cambi di modulo) ma una possibilità per vedere Piatek dal primo minuto anche se la Coppa Italia è terreno di Cutrone ormai, decisivo in più occasioni. Magari questa volta sarà il polacco a giocarsela dal primo minuto, Con Cutrone appunto da subentrante a partita in corso. Contro la Sampdoria andò così e segnò due goal nei minuti finali, regalando al Milan il passaggio del turno.

Ancora presto per poter dare una probabile formazione per la gara di martedì sera, al novanta per cento vedremo in campo gli sessi undici, due i possibili cambi: Conti per Calabria e come detto Piatek per Cutrone. Per il resto, come ribadito più volte, il Milan ha trovato una quadratura difensiva al momento intoccabile, anche con il centrocampo a 3 la difesa rimane più coperta dal gran lavoro di Kessie e Bakayoko, per quanto riguarda invece la propensione all’attacco dovrebbe pensarci Paquetà ma ancora una volta cresce il dubbio che il giocatore in quella posizione soffra particolarmente, lontano dalla porta e meno votato all’attacco rispetto ad una posizione da trequartista che implicherebbe però un cambio di modulo, al momento troppo complicato da effettuare.