Connettiti con noi

Editoriali

Milan, su la testa: la stagione è ancora tutta da vivere

Pubblicato

su

L’eliminazione dall’Europa non deve distogliere il Milan dagli altri obiettivi stagionali: campionato e Coppa Italia sono alla portata

Al Milan di Stefano Pioli non è riuscita la clamorosa impresa europea: battere il Liverpool e conquistare l’accesso agli ottavi finale della Champions League o quantomeno lo scivolamento nel purgatorio dell’Europa League. Una delusione grossa al netto del fatto che molti episodi, tecnici ed arbitrali (non ultimo il rigore non fischiato ieri sera a Kessié) abbiano certamente influito sul quarto posto finale.

I rossoneri però non devono ora cadere nella trappola psicologica della depressione. Il primo posto in classifica a pochissime giornate dalla fine del girone di andata testimonia una competitività italiana ritrovata ad altissimi livelli dopo il secondo posto della scorsa stagione. Tornare in Europa dopo sette anni è stato solo un punto di partenza da coltivare negli anni. Oggi il focus deve essere indirizzato completamente alle due manifestazioni rimaste. Il Milan può ancora regalarsi una seconda parte di stagione memorabile.

Pensare alla doppietta scudetto-Coppa Italia sembra oggi abbastanza complicato ma anche la coppa nazionale non deve essere snobbata visto che potrebbe rappresentare la strada più corta per tornare ad assaporare la gioia di alzare un trofeo a quasi sei anni dall’ultimo volta. Testa alle sfide contro Udinese, Napoli ed Empoli dunque per poi ripresentarsi a gennaio con la mente sgombra e le tossine smaltite, in particolar modo quelle degli infortunati di lungo corso. La società è pronta a cogliere le opportunità di mercato che si presenteranno per rinforzare la rosa, in particolare il pacchetto difensivo dopo il pesante infortunio di Simon Kjaer.

Su la testa, Milan: il tempo dei bilanci è ancora lontano e maggio è sempre stato un bel mese per alzare le coppe, una splendida abitudine che tutti a Milanello non vedono l’ora di tornare a rinverdire.