Milan, in attacco spunta un altro nome del tutto inaspettato: trattative già avviate

Mirabelli
© foto Twitter @Mirabelli

Colpo di scena in casa Milan, Morata rimane l’obbiettivo numero uno ma attenzione agli ultimi movimenti interni, del tutto inaspettati

Via da Madrid dopo 9 anni, 412 presenze e 192 goal, parliamo di Karim Benzema, l’attaccante classe 1987 secondo quanto riportato da Tuttosport vorrebbe  il Milan e avrebbe già dato il suo consenso a Rino Gattuso per il trasferimento. Il suo agente è stato a Milanello, aprendo di fatto una  pista del tutto nuova ed assolutamente interessante, date le ottime qualità dell’ex compagno di squadra di Cristiano Ronaldo. Intanto oggi a casa Milan si riunirà il consiglio di amministrazione rossonero, il nuovo Cda che darà vita alla nuova società rossonera, partendo dal presidente, fino a definire con chiarezza tutte le altre posizioni, a partire proprio da Fassone e Mirabelli, al momento indispensabili per qualsiasi operazione di mercato. Le modalità di trasferimento di Benzemà in termini contrattuali e finanziari ad oggi non sono ancora note.

Intanto Paolo condò attraverso i microfoni di Sky Sport ha espresso il suo pensiero in merito alla possibile acquisizione del giocatore francese, nel momento in cui tutto sembrerebbe portare a Morata del Chelsea: «Dal punto di vista tecnico Benzema è un grande attaccante che ha sacrificato un po’ della propria individualità al Real per far funzionare al meglio Cristiano Ronaldo, risultando di gran lunga il suo compagno preferito: ma Karim ha ancora tanto spazio per fare il suo. E’ stato escluso da Europei e Mondiali e cerca una rivincita, il Real sta cambiando pelle in maniera rivoluzionaria: il fatto che abbiano preso Lopetegui mi fa pensare vogliano valorizzare i grandi giovani talenti come Asensio, Isco, e se c’è un momento per prendere per il Milan un giocatore di grande qualità è questo».

Articolo precedente
Mirabelli FassoneColpo di scena Elliott: via Fassone e Mirabelli, ecco i sostituti
Prossimo articolo
Milan in Europa, la signora Antognoni non la prende bene: parole dure e decise