Milan, grandi ritorni: in arrivo anche Kakà…per imparare

Kakà
© foto Db Milano 23/11/2017 - Europa League / Milan-Austria Vienna / foto Daniele Buffa/Image Sport nella foto: Ricardo Kaka'

Durante la conferenza stampa di presentazione di Paolo Maldini, Leonardo annuncia il rientro di Kakà in società ma solo per imparare

Durante la conferenza stampa di presentazione di Paolo Maldini come nuovo Direttore Strategico Area Sport è intervenuto anche Leonardo. Con lui si è parlato ovviamente di mercato e di un possibile ritorno di Kakà come “apprendista dirigente”. Poche e semplici parole da parte del direttore sul connazionale, ad ogni modo la curiosità si è scatenata subito ed ora cresce l’attesa per quello che sarà un altro ritorno a casa, dopo quello di Paolo Maldini: «Ricky ha manifestato la voglia di capire come si fa il dirigente. E’ un mio pupillo e lo adoro, sarà per sempre legato a questa società. Ha tanta voglia e a settembre sarà a Milano. Non c’è nulla in programma, ma sarà qua per imparare.  ha manifestato la voglia di esserci e sicuramente sarà in zona. Non sappiamo come, ma ha voglia di imparare a fare il dirigente. Andateci piano con la fantasia… verrà qui solo per prendere contatto, senza ruolo preciso. E gratis…».

NO MILINKOVIC SAVIC: Con Leonardo si è parlato soprattutto di mercato, soffermandosi sulla possibilità di un colpo last minute (Milinkovic Savic), dato che ormai manca pochissimo alla chiusura delle trattative: «Le regole del FFP non ce lo consentono, abbiamo parametri da cui non possiamo uscire, sarà tutta la macchina di incassi e fatturati a dover crescere per il futuro. Milinkovic-Savic non è un sogno per noi, anche se è il primo che prenderei per personalità e margine di crescita. Posso dire, invece, che in uscita siamo vicini alla cessione di Kalinic all’Atletico Madrid. Suso invece è importantissimo per noi, non ci è arrivato nulla in questo senso. Rabiot? Nessun contatto, è del Psg».

Articolo precedente
Kalinic è dell’Atletico, domani le visite mediche
Prossimo articolo
andré silva barcellonaAndrè Silva, dalla Spagna un’occasione d’oro: l’opportunità di ripartire