Dalla Germania arriva una conferma per una trattativa di Leonardo

Leonardo
© foto www.imagephotoagency.it

Arrivano conferme da parte di un autorevole quotidiano tedesco per una trattativa portata avanti da Leonardo

Questa volta la fonte è autorevole. Dalla Germania la Bild rilancia le quotazione per vedere nuovamente Zlatan Ibrahimovic in maglia rossonera. Il quotidiano ha sottolineato come le dichiarazioni di Leonardo siano indicative in questo senso. Nei giorni scorsi lo stesso dirigente brasiliano del Milan non aveva nascosto un contatto in estate con il 37enne svedese. Dall’altra parte Mino Raiola ha confermato e ha aperto le porte per un ritorno di Ibra a Milanello.

GENNAIO – Soltanto ieri queste erano state le parole di Leonardo: «Noi abbiamo parlato tanto di emozioni, anche se Ibra è uno molto concreto: c’è un legame anche personale. Siamo stati insieme al PSG, abbiamo costruito un rapporto. Io non nego di aver avuto un pensiero quando siamo arrivati, perché è un giocatore che trascina gli altri anche a 37 anni e in America si riesce a vedere cosa lui rappresenta per le squadre in cui gioca, l’incidenza, anche a livello psicologico, e i titoli vinti. Oggi il mercato è chiuso. Non dobbiamo pensarci ora. Non dobbiamo mai dimenticarci che la nostra pianificazione è graduale, basata sempre sul Fair Play Finanziario, ci vuole sempre un equilibrio molto importante tra entrate ed uscite. Andiamo, con calma e cauti, pensiamo a costruire una squadra competitiva ad alti livelli quanto prima».

Tuttavia, l’ostacolo Fair Paly Finanziario potrebbe diventare un incentivo per il tesseramento di Zlatan. Il giocatore dei Los Angeles Galaxy, infatti, si libererebbe a zero senza influire più di tanto sulle casse dei rossoneri. Lo stipendio dell’attaccante potrebbe benissimo essere pagato con i tagli che verranno effettuati a gennaio, tra cui Montolivo, Mauri, Bertolacci, Plizzari, Simic e forse Abate.

Articolo precedente
GattusoGattuso lancia un messaggio ad un top player: i tifosi sognano
Prossimo articolo
Leonardo MaldiniAccordo Unicredit-Milan, ecco cosa cambierà per i rossoneri