Gattuso, conferma? La meritava fin dalla gara di Benevento

Gattuso
© foto www.imagephotoagency.it

Gennaro Gattuso vola sempre più in alto con il suo Milan, la finale di Coppa Italia è un’ulteriore conferma delle sue doti, qualora ce ne fosse bisogno

La conquista della finale vale a Gattuso l’appellativo di “semi-grande”, per diventare un grande bisogna vincere ovviamente. Il tecnico rossonero, in realtà, per chi ha fiuto in queste cose era un grande già da qualche settimana, prima di ottenere la finale di Coppa Italia. Prendere in mano una squadra finita e trasformarla a tal punto da soffocare completamente il gioco degli avversari è qualcosa che indubbiamente deve far riflettere sulle capacità di questo uomo, grintoso ma soprattutto capace tatticamente, intelligente e preparato. Tutte qualità che non si scoprono certo adesso. Normale che dopo le sconfitte con Verona ed Atalanta si pensava ad un altro bluff ma è anche vero che per estrarre quella squadra da un fango alto e spesso bisognava avere tempo e pazienza, oltre ovviamente alle capacità prima gestionali e poi tattiche. Quelle gestionali sono state forse la vera forza per Gattuso che ha saputo ridare fiducia a giocatori già pronti per essere rispediti. Lo chiamavano traghettatore inizialmente, un termine bieco, un’etichetta triste e svilente che nessun uomo che si appresta a fare un lavoro simile meriterebbe di avere addosso, perchè quando si tocca la dignità delle persone allora non si scherza più, ci vuole rispetto per il passato e per il presente di una persona che nel bene o nel male mette tutto se stesso a servizio del proprio lavoro, come in questo caso fa ogni giorno Gennaro Gattuso. Lui, il simbolo del Milan campione d’Europa è ora possibilitato a fare qualcosa di grande anche da allenatore, ad ogni modo il suo posto per la prossima stagione se l’era conquistato già dalla gara di Benevento.

Difficile in questi casi mantenere i piedi per terra dopo tanti anni di sofferenza, prima l’Arsenal in Europa ed ora la finale di Coppa Italia, domenica San Siro sarà tutto per questo grande gruppo, pronto a riprendersi anche il Derby.

Articolo precedente
Stampa RassegnaRassegna stampa dell’1 marzo 2018
Prossimo articolo
Gattuso BonucciUn Milan da batti cuore, rossoneri in finale dopo i rigori