Ecco come il Mondiale può cambiare il mercato del Milan

© foto www.imagephotoagency.it

Il mercato del Milan dipenderà anche da quello che succederà ai Mondiali. I rossoneri puntano a rivalutare i propri giocatori

Domani sarà il gran giorno. I Mondiali di Russia si apriranno con la partita d’esordio dei padroni di casa contro l’Arabia Saudita allo stadio Luzniki di Mosca. La manifestazione rischia di stravolgere il calciomercato facendo aumentare o abbassare vertiginosamente il valore di alcuni giocatori. Massimiliano Mirabelli  e Gennaro Gattuso saranno in Russia per visionare alcuni obiettivi dei rossoneri. Tuttavia non dimentichiamoci che i Mondiali potrebbero essere un’ottima vetrina anche peri giocatori del Milan sul piede di partenza.

LIQUIDI – Partiamo da André Silva che a fianco di Cristiano Ronaldo ha la possibilità di mettersi in luce in una vetrina internazionale. Il Portogallo è inserito in un girone abbastanza semplice e l’ipotesi di incrorcio agli ottavi non è proibitiva (Uruguay? Russia?) per i campioni d’Europa. L’ex Porto rischia di ritrovarsi protagonista (e speriamo bomber) di un Portogallo che arriva in fondo. Tanto di guadagnato per il Milan che potrebbe sparare alto per le eventuali richieste da club stranieri.

CROAZIA – La Croazia è stata inserita in un girone di ferro con Argentina, Islanda e Nigeria, ma i balcanici non partono di certo sfavoriti. Kalinic, la cui quotazione è scesa molto negli ultimi mesi, si alternererà con Mandzukic in avanti. Anche in questo caso Modric, Rakitic e compagni potrebbero aiutare molto il rossonero a riscattare una stagione deludente. Il Milan punta a recuperare una ventina di milioni dalla cessione dell’ex Fiorentina.

COLOMBIA – Molto più semplice il discorso per Carlos Bacca che con la sua Colombia affronterà Giappone, Senegal e Polonia. Per i sudamericani anche gli ottavi potrebbero essere abordabili incrociando Belgio o Tunisia, salvo clamorose cadute dell’Inghilterra. Mentre il valore di Zapata non dovrebbe subire forti oscillazioni, quello di Bacca potrebbe aumentare in caso di prestazione positiva dell’ex Siviglia.

MERCATO – Nella migliore delle ipotesi, la vendita dei tre attaccanti rossoneri potrebbe portare nelle casse della società una novantina di milioni. Tutto dipenderà dalle prestazioni e dal percorso delle relative nazionali. In passato, ad esempio, James Rodriguez raddoppiò il proprio valore di mercato proprio in Brasile nel 2014: il Monaco chiese 80 milioni al Real Madrid facendo una grande plusvalenza. Stesso discorso quattro anni fa per Keylor Navas, portiere non irresistibile, per il quale le merengues sborsarono più di 10 milioni di euro. L’elenco è ampio e comprende anche meteore strapagate come Enner Valencia (Ecuador), Stekelenburg (Olanda), Gyan (Ghana), Diouf (Senegal). Ve li ricordate?

Articolo precedente
Ricardo Rodriguez-Juan CuadradoMilan, parla l’agente di Rodriguez: «Si trova bene in questa piazza e con Gattuso»
Prossimo articolo
Stampa RassegnaRassegna stampa del 14 giugno 2018