È guerra tra Uefa e Fifa: in ballo il futuro del Mondiale per Club

© foto www.imagephotoagency.it

Tra la FIFA e la UEFA non ci sono buoni rapporti, negli ultimi mesi si è creata una vera e propria guerra tra i due organi calcistici più importanti

Tiene banco in Spagna, in particolare dal giornale sportivo Marca, una polemica agguerrita in atto tra la Uefa e la Fifa in merito al l’instaurazione del Mondiale per club che dovrebbe vedere tra i partecipando della prima edizione nel 2021 anche il Milan: Ceferin, commissione Uefa, respinge fortemente la creazione del Mondiale per club, che sta prendendo forma dalle iniziative congiunte di Infantino e dai principali club europei, riunendosi con i membri delle varie confederazioni per esprimere i pericoli della nuova competizione e le possibili conseguenze che potrà avere sull’ordine attuale del calcio moderno. Uno dei principali problemi evidenziati da Ceferin ci sarebbe il progressivo aumento di potere che andrebbe ad innescarsi in società dallo scarso appeal a scapito dei Big oltre all’oggettivo ridimensionamento delle competizioni continentali e nazionali in favore del Mondiale.
Uno dei principali problemi evidenziati da Ceferin sarebbe il progressivo aumento di potere che andrebbe ad innescarsi in società dallo scarso appeal a scapito dei Big oltre all’oggettivo ridimensionamento delle competizioni continentali e nazionali in favore del Mondiale.

LA NUOVA FORMULA DEL MONDIALE PER CLUB – Il mondiale per club potrebbe cambiare volto. Gianni Infantino e alcuni dei principali club stanno pensando a una nuova formula per la massima competizione intercontinentale. Oltre alla partecipazione delle squadre vincitrici dei rispettivi tornei continentali, si sta pensando di allargare la competizione attraverso inviti: tra i club scelti per storia e rango continentale ci sarebbe anche il Milan.

Articolo precedente
Bellinazzo: «Uefa avrebbe dovuto concedere il Settlement al Milan, l’Inter era in condizioni peggiori»
Prossimo articolo
Atalanta, ecco le dichiarazioni di Percassi sul caso Milan-Uefa