Correa-Milan, contatto differente dal previsto ma positivo

Correa
© foto Youtube

Correa al Milan, secondo i rossoneri sarebbe solo una questione di tempo e molto probabilmente sarà così. Si cerca l’accordo

Correa-Milan, passa il tempo mentre l’atmosfera inizia a farsi più tesa, sempre distesa e serena ma con un occhio all’orologio e al tempo che passa inesorabile, senza sviluppi di particolare rilevanza. Il suo agente, Agustin Jimenez, era atteso ieri a Milano, prima che ci fosse un nuovo programma studiato proprio con il Milan. Un contatto telefonico invece che l’incontro. Secondo quanto riportato da Calciomercato.com, Maldini avrebbe spiegato all’agente (telefonicamente) che proprio perché l’accordo tra Correa e il Milan vige ormai da settimane, l’idea del club ad oggi sarebbe quella di non andare oltre i 40 milioni di euro più bonus, come sapevamo. Questo soprattutto per le pochissime cessioni realizzate fino ad ora.

CONFRONTO CON L’ATLETICO- Jimenez è poi volato a Madrid nella serata di ieri per un confronto da tenersi in questi giorni con la dirigenza spagnola. Correa e il suo entourage potrebbero chiedere alla dirigenza di essere liberati anche a un prezzo inferiore rispetto ai 50 milioni di base richiesti, data la acclarata volontà del ragazzo è andare al Milan.

MANTENERE I RAPPORTI- In caso di trasferimento in rossonero, il primo obiettivo del giocatore sarebbe quello di mantenere un ottimo rapporto con l’Atletico, quindi nessuna rottura, soprattutto con il ds Berta che ha creduto in lui portandolo in Europa dopo un grave problema fisico quando era al San Lorenzo, mentre Simeone ha già fatto intendere che lo terrebbe volentieri, dato l’elevato numero di possibilità nel corso della stagione.

IN CONCRETO- Da Madrid permane la linea dura: 50 milioni di euro o non se ne fa niente, al massimo si tratterà con altre società. Il Milan crede e spera sia questione di tempo e chissà che non possa pensare di arrivare a proporre anche una contropartita di quelle pesanti (oltre alla cessione di Silva al Valencia), data la difficoltà nelle cessioni e la necessità di chiudere a breve.