Coppa Italia, vince la Lazio: ora come reagirà l’Atalanta?

Gasperini
© foto www.imagephotoagency.it

Coppa Italia, vince la Lazio ed ora lancia l’incognita su come reagirà l’Atalanta in vista dell’incontro di Domenica con la Juventus

Coppa Italia, la Lazio vince sull’Atalanta e conquista così il trofeo per la settima volta nella propria storia e sotto il cielo di Roma. Nella finale dell’Olimpico i biancocelesti prevalgono con 2 goal tutti nella ripresa, grazie all’uno-due ravvicinato firmato Milinkovic-Savic e Correa, il secondo in contropiede. La gara è bella ma molto nervosa, l’intensità è massima, degna della miglior semifinale di Champions. Le due squadre si equivalgono sul piano del gioco e delle occasioni, un solo rammarico per l’Atalanta, oltre a quello dell’aver perso il trofeo in finale: il palo colpito da De Roon al minuto 26 con deviazione di mano da parte di Bastos e quello scheggiato da Gomez al minuto 76 della ripresa. Lazio qualificata per l’Europa League di diritto, con due giornate d’anticipo rispetto al campionato.

ANCORA BANTI PROTAGONISTA- Dal campo, Gasperini, a detta sua, non si era reso conto se non per qualche giocatore che ne sapeva di più ma quando a fine partita gli fanno vedere le immagini del tocco di mano di Bastos in area di rigore con tanto di deviazione sul palo ed un cartellino giallo già acquisito, il tecnico cambia immediatamente espressione ed accusa Banti e Var di atteggiamento grave e vergognoso, nonostante la grande sportività espressa nei confronti della Lazio vincitrice.

FURIA GASPERINI- «Questo episodio cambia tutta la mia analisi, non l’avevo visto sul campo. E’ una cosa gravissima e non la accetto visto che c’era a disposizione il Var. Questa decisione presa dagli arbitri è una cosa non sana e che non fa bene al calcio. Ripeto, è una cosa gravissima. Abbiamo vissuto un campionato di rigori e rigorini in cui non abbiamo mai detto niente ma questa è una cosa veramente grave e che manca di rispetto all’Atalanta e ai suoi tifosi. Non ci fosse stato il Var sarebbe stato giustificabile come episodio, ma visto che era a disposizione è una decisione che non accetto».

REAZIONE ATALANTA- Una bella botta per un gruppo “poco abituato” a questo genere di emozioni, non capita tutti gli anni all’Atalanta di arrivare in finale e vivere un’esperienza così forte dal punto di vista emotivo. Ora bisognerà capire quanto Gasperini sarà in grado di fare per la gara di Domenica contro la Juve, lui che a fine partita ha cercato a stento di trattenere la delusione, prima di liberare la rabbia per quel rigore negato.

IL PRECEDENTE IN EUROPA LEAGUE– Ad inizio stagione ibergamaschi furono eliminati dall’Europa League per mano del Copenaghen, senza nemmeno riuscire ad accedere ai gironi di qualificazione. Una delusione talmente forte, tanto da condizionare l’inizio del campionato con 4 sconfitte e due pareggi subito l’addio alla competizione europea. La squadra di Gasperini era ormai data per persa ma si sveglio il 21 Ottobre, grazie alla vittoria sul Chievo per 5-1. Ora vedremo come reagirà alla sconfitta di Roma.