Calhanoglu Torino: l’interesse c’è ma non possiamo sempre pagare noi

Calhanoglu
© foto www.imagephotoagency.it

Calhanoglu Torino, i contatti si intensificano ma dobbiamo pagare noi una parte dello stipendio: che la dirigenza non faccia beneficenza

Come riportato dal Corriere dello Sport, i contatti tra Milan e Torino per Calhanoglu si stanno intensificando sempre di più. La dirigenza Granata di comune accordo tra il DS Bava e l’allenatore Mazzarri hanno identificato nel turco come il rinforzo necessario per il centrocampo. Molto probabilmente la dirigenza piemontese chiederà ai rossoneri un prestito con diritto e che venga pagata una parte dello stipendio. Dal canto suo i Diavoli proveranno a spingere per un prestito con obbligo sapendo che il trasferimento a titolo definitivo pare troppo utopistico. La cessione eventuale di Calhanoglu al Torino farebbe boccheggiare le casse rossonere e alleggerirebbe la lista degli esuberi, specie dopo la pessima prestazione in regia dell’ex Bayer Leverkusen.

Anche Laxalt verso Torino con la stessa formula di pagamento

Non solo Calhanoglu è stato sondato dal Torino ma anche il compagno di squadra Laxalt. Cosa rende simile le due trattative? Pressoché tutto dal momento che verranno proposti due prestiti con diritto di riscatto, la richiesta del pagamento parziale dello stipendio dal Milan stesso (per l’uruguaiano si parla di 1.4 milioni pagati dal Toro e 300’000 dai rossoneri) e infine tutto dipenderà dalla partita di questa sera contro il Wolverhampton di Cutrone.