Connettiti con noi

HANNO DETTO

Borghi: «Vi spiego perché il Milan meritava di essere in Champions»

Pubblicato

su

Intervenuto sul proprio profilo Youtube, Stefano Borghi, telecronista di Dazn, ha parlato della crescita dimostrata dal Milan e dai singoli:

Intervenuto sul proprio profilo Youtube, Stefano Borghi, telecronista di Dazn, ha parlato della crescita dimostrata dal Milan e dai singoli:

«Kessie è diventato il basamento del Milan, il giocatore che crescendo dal punto di vista della continuità e della totalità d’impatto ha permesso di impiantare un gioco. Perché poi il gioco del Milan è fatto da Theo Hernandez che arriva come un treno a sinistra, dall’asse di comunicazione Bennacer Calhanoglu che è stato quello che ha permesso di avere quel rendimento incredibile dal post lockdown fino alla fine del girone d’andata, poi entrambi sono entrati in una sorta di turbine di difficoltà fisiche; sono passati attraverso il Covid e altri infortuni. Poi Ibrahimovic davanti, poi il sistema offensivo estremamente mobile e con un attaccante a sinistra, Rebic o Leao, e con un esterno a destra più di lavoro, la partecipazione di Calabria e tutte le cose del Milan. Ma al centro del Milan c’è Franck Kessie, che non solo è stato questo tipo di basamento, ma è stato anche un giocatore da doppia cifra, è stato quello che ha realizzato due calci di rigore nella partita decisiva a Bergamo, indubbiamente Kessie è stato il miglior centrocampista in assoluto del nostro campionato».