Aubameyang da l’ultima stoccata a Mirabelli: «Ha dormito»

Aubameyang
© foto Screen Instagram @Aubameyang

Aubameyang lancia l’ultima stoccata al Milan direttamente da Londra: l’attaccante gabonese avrebbe voluto il Milan ma la società ha dormito. Ma è veramente stato così?

Pierre-Emerick Aubameyang, neo attaccante dell’Arsenal, è stato lungamente accostato al Milan in estate come possibile rinforzo per l’attacco. La società rossonera, che ha intavolato una trattativa con il Borussia ad agosto, ha poi stravolto i piani una volta appresa la possibilità di acquistare Leonardo Bonucci, operazione descritta come “improvvisa e sorprendente” dagli stessi operatori di mercato rossoneri. L’investimento fatto per portare l’ex numero 19 della Juventus al Milan ha come prevedibile dirottato i milioni previsti per l’acquisto di una prima punta di livello portando Massimiliano Mirabelli a ripiegare su un centravanti meno costoso ma ugualmente adatto al gioco dell’allora tecnico rossonero Vincenzo Montella: Nikola Kalinic. A restare particolarmente male per l’improvviso cambio di obiettivi del club rossonero sarebbe stato lo stesso Aubameyang che in più di un’occasione aveva strizzato l’occhio al Milan pregustando un possibile ritorno in età più matura.

A gennaio l’attaccante gabonese ha accettato la proposta dell’Arsenal lasciando la sempre più stretta Dortmund per una cifra intorno ai 60 milioni di euro ma non dimentica quel sogno di mezza estate che per qualche settimana lo illuse di vestire la maglia del Milan. Oggi intercettato da La Gazzetta dello Sport, Aubameyang ha lanciato l’ultima stoccata a Massimiliano Mirabelli pronunciando parole che, col senno di poi visto l’andamento di Kalinic e André Silva, risuoneranno come mezza beffa alle orecchie dei tifosi rossoneri e forse qualche dirigente: «Io al Milan? Io ero pronto, sono loro ad aver dormito».

Articolo precedente
CutroneLudogorets, Cutrone dal primo minuto? Silva potrebbe non accettare
Prossimo articolo
berlusconi milanBerlusconi in campagna elettorale? C’è sempre il Milan da criticare