Piatek, salgono le aspettative: la Coppa Italia ha già creato il mito

© foto www.imagephotoagency.it

Piatek, contro la Roma per i tre punti, la gara di Coppa Italia alza enormemente le aspettative verso il giocatore “nato pronto”

Piatek mania, dopo la doppietta contro il Napoli in Coppa Italia alla sua prima da titolare con la maglia del Milan, Krzysztof dovrebbe essere confermato dal primo minuto anche domenica sera in campionato in casa della Roma. Lo riferisce La Gazzetta dello Sport che spiega che con il polacco titolare, Cutrone sarebbe destinato a partire nuovamente dalla panchina a meno che Gattuso non decida di giocare con il 4-4-2. Una situazione del tutto legittima visto l’atteggiamento in campo del centravanti polacco contro il Napoli, addirittura immarcabile nella prima parte di gara, quando le energie erano a mille. Koulibaly ha fatto una fatica enorme a contenere la mole fisica di Piatek, deciso a prendersi la scena con due colpi già leggendari. Come ribadito nei giorni scorsi, non dimentichiamoci però di Cutrone, asso fino a questo momento di un Milan che troppe volte si è affidato ad un Higuain totalmente irriconoscibile. Gattuso è stato chiaro e ha parlato da tecnico ormai maturo ed esperto: «Oltre alla doppietta che si è inventato, vedere un giocatore affrontare e lottare con Koulibaly è incredibile. Non è facile, Kalidou insieme a Skriniar sono quelli che ne hanno di più nel nostro campionato. Complimenti a Piatek, ma ora bisogna stare tranquilli, lavorare e non dimenticarsi di Cutrone che è un ragazzo che ci ha dato tantissimo. Godiamoci la serata e poi subito testo al campionato».

DI GENNARO SU PIATEK: «Sta dimostrando di essere un giocatore fantastico. Hanno trovato un centravanti davvero importante. La prossima partita diventa determinante per il proseguo della stagione della Roma. Per Di Francesco la gara con il Milan è l’ultima spiaggia dopo la disfatta in Coppa Italia e la rimonta subita a Bergamo». 

Articolo precedente
DzekoRoma-Milan, preparate le sciarpe e godetevi lo spettacolo
Prossimo articolo
Biglia, ci siamo: il rientro è ormai prossimo