Perinetti, ancora qualche dubbio: e se l’affare l’avesse fatto il Genoa?

Perinetti
© foto www.imagephotoagency.it

Perinetti lancia una sorta di provocazione per tutelare in qualche modo la decisione societaria di vendere Piatek a determinate cifre

Perinetti, direttore generale del Genoa torna a parlare delle ultime questioni societarie che hanno portato alla cessione di Piatek, il quale al momento vive una sorta di magia o di conferma, a seconda dei punti di vista. Il dirigente rossoblù ha toccato molti temi dell’attualità legata al proprio club , dal mercato alla situazione finanziaria, fino ad arrivare agli obiettivi sportivi futuri. «La situazione finanziaria del Genoa è sicuramente migliorata e sta migliorando. Nel 2019 avremo un segno tangibile di questi benefici perché ci porteremo avanti in tutti i settori, come quello fiscale: potremo guardare al futuro con più serenità. Investiremo sul miglioramento del bilancio, sulle strutture e sulla squadra».

SULL’AFFARE PIATEK- «Io ho un rapporto molto chiaro con la tifoseria: spiace deludere i tifosi, ma ripeto, nessuno ha mai trattato giocatori per gennaio. Non sottovaluto il bene primario del tifo: io sono il primo a riconoscere che il campo è sentimento, ma bisogna fare i conti con i numeri e la gestione societaria. Poi i temporali arrivano anche all’improvviso: è stato l’ingresso del Milan con la situazione Higuain di certo non programmata e ha messo gli occhi sul nostro giocatore. Quando arrivano offerte di quel tipo, anche a costo di essere impopolare, il dovere di un dirigente è quello di valutarle: queste cessioni possono migliorare la situazione della società, pur dovendo rinunciare a un giocatore importante. C’è anche da pensare anche alla volontà del calciatore che ha voce in capitolo come il suo entourage. Sono tutte situazioni da valutare».

UNA PLUSVALENZA MAGGIORE- «Bisogna valutare tante situazioni: prima le condizioni che ti offrono, poi a parte anche la gestione del giocatori. Non voglio fare nomi, ma in passato ci sono stati giocatori che hanno segnato molti gol e sono stati ceduti a cifre importanti e ora non valgono tanto. Credo che il Genoa abbia reinvestito totalmente o quasi tutto quello che è stato incassato: alla lunga si vedrà se l’operazione Piatek è stata utile o no. Il Genoa ha ceduto dei giocatori, ma ne ha presi altri e ne prenderà ancora: speriamo che Sanabria farà ancora meglio».

Articolo precedente
Gattuso MilanelloGattuso, parlano i numeri: da 6 anni nessuno come lui
Prossimo articolo
Saint-Maiximin, si inserisce l’Atletico: ora il Milan deve fare in fretta