Connettiti con noi

Esclusive

Pennestri (agente Jane, Boquete e Rinaldi): «Vi racconto il loro Juve-Milan»

Pubblicato

su

Juventus-Milan femminile, Alessandro Pennestri, agente di Boquete, Jane e Salvatori Rinaldi, ha parlato del big match in programma oggi

Intervistato da Milan News 24, Alessandro Pennestri, procuratore della LTA agency, consulenza legale di molte atlete tra cui le milaniste Boquete, Jane e Saltatori Rinaldi, ha parlato del big-match in programma oggi tra Juventus e Milan Femminile a Torino:

Ieri è stata la giornata delle sorprese: l’Hellas Verona ha battuto la Roma, il San Marino ha conquistato un punto fondamentale per la salvezza. Tra poche ore sarà la volta di Juventus-Milan: oggi almeno psicologicamente si potrebbero decidere le sorti del campionato?

«Questo campionato si è dimostrato un campionato al quanto aperto, almeno per quanto concerne l’alta classifica. Per quanto riguarda l’asegnazione dello scudetto, la gara di oggi può essere molto determinante. Vincere oggi potrebbe essere mettere le mani sullo scudetto (per la Juventus), o colmare il gap che c’è tra le due squadre e puntare ad un finale di campionato infuocato (per il Milan). E’ senza dubbio la partita della stagione».

Trova differenze tra il Milan delle prime giornate di Serie A e quello attuale?

«Il Milan ha avuto un processo di maturazione iniziato l’anno scorso, e che ha visto una costante crescita tecnica e mentale. Il gap che c’era con la Juventus si è costantemente assottigliato, e questo è un bene per il calcio femminile italiano. La juventus, a mio avviso è ancora “la squadra da battere”, ma anche quella da imitare ed ammirare per come intende il calcio femminile, come organizzazione, visione e prospettiva. Nel calcio come nella vita, la differenza la fanno le idee ed il modo in cui vengono applicate, e questi due club (ma anche altri in serie A) stanno dimostrando di averle molto chiare».

Come stanno vivendo l’attesa le sue assistite, in particolar modo Boquete, Jane, Sembrant e Pedersen?

«Io di solito, nonl e “disturbo” alla vigilia di grandi eventi, sono delle “professioniste” e sanno benissimo come approcciarsi ad un big match, sia mentalmente che tecnicamente. Tutte sanno l’importanza della gara e sanno anche che non bisogna perdere la testa in campo, ma gestire ansia e prestazione. Sono davvero combattuto, perché domani avrò calciatrici in entrambi i team, vedremo certamente un gran bel match ed una “cartolina” per il mondo dello sport italiano importante».

Milan e Juve registrano la miglior difesa del campionato. In attacco le bianconere hanno una statistica migliore. Secondo lei la chiave di volta potrebbe essere il centrocampo?

«Come sempre queste partite sono giocate in modo equilibrato, anche la partita dell’andata ha dimostrato questa regola non scritta, e spesso la zona cruciale del campo è “il centrocampo”. Sono convinto che sarà una partita combattuta, ma vedremo anche un match interessante dal punto di vista tecnico. Credo che l’arma in più per il Milan possa essere Vero Boquete, non solo per le sue doti tecniche, ma anche perché è da sempre abituata a giocare partite di questo tipo, delle “finali”. Da parte della Juventus, l’avranno preparata molto bene, come sempre, e sfrutteranno le loro doti tecniche e le “stoccatrici” che hanno, ma forse la vera differenza come hai suggerito la potrebbero fare le difese. Sono curioso e ansioso di vedere questo match, lo stavamo aspettando da tempo, quindi buona fortuna ad entrambe, e gustiamoci lo spettacolo».