Connettiti con noi

HANNO DETTO

Pellegatti: «Scudetto? Occhio al Napoli e Inter. Su Spezia e Atletico…»

Pubblicato

su

Carlo Pellegatti è intervenuto a Pelle Rossonera, trasmissione in onda su Radio Rossonera, parlando del Milan

Carlo Pellegatti è intervenuto a Pelle Rossonera, trasmissione in onda su Radio Rossonera, parlando del Milan. Le parole del giornalista.

SAINT-MAXIMIN – «Un giorno di gennaio del 2015 vado da Pippo Inzaghi e gli ho detto: “Guarda che gol” e lui mi dice che fosse buono. È uno di quei giocatori come Taarabt, Deulofeu e Menez, che mi piacciono molto».

SCUDETTO – «Senza nulla togliere all’Inter, nell’ambiente Milan si pensa che la favorita numero uno per lo Scudetto sia il Napoli. Io, al contrario, temo di più i nerazzurri sia per le partenze straordinarie di Spalletti, i cui arrivi spesso però non sono come le partenze, sia per l’ambiente granitico mentre a Napoli ogni tanto c’è qualche turbolenza. Spalletti sa come tenere lo spogliatoio, visti i casi Icardi e Spalletti, ma in questo momento il Napoli sta vincendo sempre tre o quattro a zero».

PAQUETA – «È un giocatore che sta facendo bene al Lione ma non mi manca».

SPEZIA – «Anche se poi abbiamo Atletico Madrid e Atalanta non bisogna sottovalutare lo Spezia, con cui abbiamo già perso l’anno scorso facendoci perdere lo Scudetto. Abbiamo già centellinato le forze contro il Venezia».

CUTRONE – «Sbuffava un po’ in allenamento ma in partita secondo me sarebbe stato utile. Al momento Pellegri non è ancora in forma per poter giocare titolare».

MESSIAS – «Spero possa essere un’alternativa a Brahim Diaz per far rifiatare lo spagnolo. Messias ha avuto un problema fisico, a cui devi aggiungere il recupero della condizione. Speravamo tutti rientrasse prima, ma dobbiamo ancora aspettare due o tre settimane».

ESTERNO OFFENSIVO – «In quel ruolo preferisco Castillejo a Florenzi ma Pioli preferisce uno che aiuti il centrocampo».

ATLETICO MADRID – «Ormai è una squadra di caratura europea. È una formazione tosta, che sa stare in campo e ha esperienza».

SQUADRA B – «Non vedo la Primavera del Milan pronta ad affrontare un campionato di Serie C nell’immediato. In generale può essere un progetto interessante ma sinceramente non so le motivazioni della società per le quali non sia stata fatta, al contrario della Juventus».

THEO HERNANDEZ – «È un giocatore di grande livello, non so se sia il più forte terzino in assoluto. Il migliore deve infatti essere costante. Contro il Venezia Theo è entrato bene, ma con il Liverpool e con la Juventus così così. Per essere il migliore d’Europa devi giocare bene dall’8 luglio al 25 maggio e magari il 30 giugno se c’è la coppa. Se sei alterno, e in questo momento la mancata continuità è l’unico difetto di Theo, non sei ancora il migliore».

TATARUSANU – «Ha sbagliato la partita con la Roma ma ha salvato il risultato contro lo Slavia Praga ed è stato l’ultimo baluardo facendo cinque miracoli nel finale di un derby in cui giocavamo in dieci».

CLICCA QUI PER ASCOLTARE TUTTA LA PUNTATA DI RADIO ROSSONERA CON CARLO PELLEGATTI

Milan News 24 – Registro Stampa Tribunale di Torino n. 48 del 07/09/2021 – Editore e proprietario: Sportreview s.r.l. – PI 11028660014 Sito non ufficiale, non autorizzato o connesso a A.C.Milan S.p.A. Il marchio Milan è di esclusiva proprietà di A.C. Milan S.p.A.