Connettiti con noi

HANNO DETTO

Pazzini: «Tottenham? Il Milan può tornare a sognare»

Pubblicato

su

Giancarlo Pazzini ha parlato in un’intervista a Sportweek dicendo la sua sul Milan in vista della sfida Champions contro il Tottenham

Giancarlo Pazzini ha parlato in un’intervista a Sportweek dicendo la sua sul Milan in vista della sfida Champions contro il Tottenham:

«Innanzitutto gli inglesi, a maggior ragione se allenati come in questo caso da Conte, hanno un’intensità di gioco sempre molto elevata. Nel loro calcio l’aspetto fisico è determinante. In più, il Tottenham ha due attaccanti, Kane e Son, che possono farti male in ogni momento: il primo ha i movimenti del centravanti vero, anche se sa muoversi anche fuori area, è prestante e forte di testa; il secondo è veloce e fortissimo nell’uno contro uno. E poi, è una squadra più abituata in tempi recenti a sfide di questo livello»

CONOSCERE IL MILAN – «Sicuramente è un vantaggio per Conte, che sulla panchina dell’Inter ha affrontato i rossoneri in partite decisive per lo scudetto, ma lo sarà anche per il Milan e per Pioli, che ha ben presente l’idea di calcio del suo collega. Insomma si affronteranno due squadre che hanno pochi segreti una per l’altra. Anche per questo sarà un confronto equilibrato»

COME ARRIVA IL MILAN – «Detto che mancano più di due mesi e che ci sarà un Mondiale di mezzo, ci arriva con una consapevolezza diversa e superiore rispetto alla Champions della passata stagione. Nel girone si è classificato secondo dietro al Chelsea, è vero, ma vincendo le partite che doveva vincere e proponendo sempre il suo gioco. Tranne che a Londra contro la squadra di Potter, i rossoneri non sono stati messi sotto sul piano tecnico da nessuno. Il Milan affronterà il Tottenham con l’entusiasmo che lo contraddistingue ormai da tre stagioni, ma anche con la qualità del suo calcio. Perché è una squadra che gioca bene»

PUNTI DEBOLI – «Il Tottenham è pericoloso davanti, ma dietro concede un po’ di più. Tanto è vero che si è qualificato primo nel suo girone al 95’ dell’ultima partita col Marsiglia, e all’intervallo era eliminato. Soprattutto sulla fascia sinistra il Milan può far male»

GIOCATORI TOP DEL MILAN – «Di sicuro Leao e Theo Hernandez, i due sulla fascia sinistra cui accennavo prima. E penso che Tonali e Bennacer, così come Tomori, siano al livello delle grandi d’Europa»

PARAGONE CON IL MILAN DEL 2014 – «No. Sono due storie completamente diverse. Quello era un Milan a fine ciclo, avevamo cambiato allenatore meno di un mese prima della gara d’andata, passando da Allegri a Seedorf. Eravamo in difficoltà. Questo è un Milan giovane, con un progetto chiaro e vincente, visto che ha lo scudetto sul petto»

MALDINI – «Sì. Maldini ha fatto un lavoro eccellente perché, oltre all’aspetto tecnico, ha restituito al club quella mentalità, quello spessore psicologico ed emotivo che per diversi anni era mancato. Oggi il Milan è tornato a pensare in grande, a coltivare ambizioni, come la sua storia insegna e pretende»

Milan News 24 – Registro Stampa Tribunale di Torino n. 48 del 07/09/2021 – Editore e proprietario: Sportreview s.r.l. – PI 11028660014 Sito non ufficiale, non autorizzato o connesso a A.C.Milan S.p.A. Il marchio Milan è di esclusiva proprietà di A.C. Milan S.p.A.