Morata, Milan la sua prima scelta: voglia di tornare in Italia da protagonista

Morata
© foto www.imagephotoagency.it

Alvaro Morata ha voglia di tornare in Italia e soprattutto di essere protagonista in una squadra che gli consenta un posto da titolare

Alvaro Morata avrebbe scelto il Milan, la volontà di tornare in Italia potrebbe far si che l’attaccante spagnolo scelga proprio i rossoneri, in virtù del fatto che al momento sarebbe l’unica squadra in grado di garantirgli un posto da titolare. Ovviamente bisognerà attendere prima la sentenza Tas e tutte le conseguenze economiche del caso. Morata ha voglia di tornare protagonista lasciandosi alle spalle la travagliata esperienza al Chelsea, dunque nessun problema a guardare eventualmente  l’Europa da spettatore per un anno, giusto il tempo di rimettere le cose a posto e magari riprendersi la Champions, come è giusto che sia. Sarri lo stima molto ma c’è un problema alla base: il possibile arrivo di Higuain taglierebbe nuovamente le gambe all’ex bianconero che in caso contrario troverebbe spazio se l’argentino dovesse essere acquistato dal Milan. Intanto, nonostante l’incombere della burocrazia, il fondo Elliott si è espresso su un attaccante ancora giovane. Una situazione che spalanca le porte allo spagnolo (1992), forse un po’ meno ad Higuain, proprio per un discorso anagrafico.

Questo è ciò che promette il mercato, qualcosa di buono insomma, aspettiamo la sentenza europea e poi vedremo cosa verrà fuori dal consiglio di amministrazione in programma sabato, utile a stabilire i nuovi vertici societari, i quali vedrebbero la conferma di Mirabelli, proprio per un discorso di mercato, ovvero l’intenzione di consentire al direttore sportivo di portare a termine il lavoro fino al 18 Agosto, data di vigilia della prima di campionato e della chiusura del calciomercato estivo.

Articolo precedente
FassoneMilan, Elliott possibile chiave di svolta: il fondo a garanzia di un impegno sicuro e concreto
Prossimo articolo
BonucciMilan, uscite: Bonucci oggi in campo ma la situazione potrebbe presto cambiare