Milan, si parte: in giornata l’incontro tra Scaroni e la Uefa per dar seguito alla sentenza

© foto www.imagephotoagency.it

Lunedì speciale in casa Milan, la nuova presidenza è già a lavoro e Scaroni in giornata potrebbe incontrare le Uefa per il dopo sentenza

Sabato il consiglio di amministrazione, domenica un po’ di “riposo”, lunedì il primo vero giorno di lavoro della presidenza Scaroni, un lunedì speciale dal quale la macchina Milan ripartirà con due obbiettivi già prefissati: calciomercato in entrata previo limitazione sanzioni Uefa, in arrivo dopo la reintroduzione in Europa League. Come riportato da Il Giornale dunque primo contatto tra le parti, il protocollo in questi casi prevede l’obbligo di ripassare dalla Camera giudicante di Nyon. Già nei giorni scorsi avevamo parlato delle possibili sanzioni come scotto da pagare per l’annullamento della precedente sentenza, ecco che cosa potrebbe succedere dal momento in cui il caso  sarà rinviato alla Camera Giudicante dell’Organo di Controllo Finanziario per Club, che a fine giugno aveva escluso il Milan dall’Europa per un anno. A questo punto i rossoneri potrebbero subire una multa in denaro (o anche una trattenuta sui premi per le competizioni Uefa), una eventuale restrizione alla lista dei calciatori per le coppe europee e/o sul mercato l’obbligo a mantenersi in equilibrio tra acquisti e cessioni.

UNA STRADA ALTERNATIVA- il nuovo proprietario Elliott potrà richiedere l’accesso al Voluntary Agreement. In caso contrario, tesi decisamente plausibile, sempre con l’Uefa si seguirà la strada del Settlement Agreement per rientrare nei paletti del fair play finanziario, per lo sforo nei bilanci del triennio 2014-2017 sotto la gestione Berlusconi.

Articolo precedente
higuainMilan, primi approcci per Higuain: offerta al giocatore
Prossimo articolo
Bonucci DonnarummaBonucci, Suso e Donnarumma, chi sacrificare per il Fair Play finanziario? – VIDEO