Milan, il 4-4-2 convince: Rebic e Castillejo recuperati, Suso no

Milan
© foto www.imagephotoagency.it

Vittoria convincente per il Milan di Pioli che con il suo 4-4-2 ottiene il secondo successo consecutivo anche senza Ibrahimovic

Il 4-4-2 orchestrato da Stefano Pioli continua a convincere anche questa sera contro la Spal in Coppa Italia. Nonostante il cospicuo turnover concesso dal tecnico rossonero, il Milan continua a macinare gioco e (finalmente) concretizzare sotto porta mettendo a segno ben tre reti contro i ferraresi.

Piatek sblocca il risultato su verticalizzazione di Bennacer, una rete che riporta alla memoria il “pistolero” della scorsa stagione ma che, purtroppo per Pioli e i tifosi rossoneri, si dimostra essere solo un fuoco di paglia come testimoniato dalle altre due occasioni sbagliate del centravanti milanista nei minuti successivi. Il raddoppio (apprezzabile) porta la firma di Samu Castillejo che mette a segno una rete alla Suso girando di sinistro con un tiro ad effetto.

La terza rete è forse l’unica vera testimonianza di continuità con il passato: Theo Hernandez fa tutto da solo e realizza la rete del tre a zero con un fulminante sinistro da fuori area che sancisce la sua quinta marcatura stagionale. Come nella gara di Cagliari anche questa sera Suso è stato relegato in panchina prendendo poi il posto di Castillejo a 20 minuti dalla fine, un ingresso in campo senza alti e con molti bassi scandito per quasi tutta la sua interezza dai fischi del pubblico di San Siro.