Milan, Gattuso: «Domani valutiamo Suso, l’Olympiakos ha più esperienza europea di noi»

Gattuso conferenza
© foto Facebook

Domani sera il Milan affronterà l’ostica e decisiva trasferta europea contro l’Olympiakos. Ecco le parole di Gattuso nella conferenza stampa della vigilia

Sarà una bolgia quella che il Milan di Gattuso troverà domani sera ad Atene. L’Olympiakos farà infatti tutto il possibile per centrare una clamorosa qualificazione e i tifosi sono pronti per trasformare lo stadio in un vero e proprio catino bollente. Ecco le parole del tecnico calabrese nella conferenza stampa della vigilia del cruciale match di Europa League:

SULLA GARA – «Fondamentale per la società e per tutti noi, troveremo un ambiente caldo ma poi dopo scompare perchè in campo scendono i giocatori, dobbiamo fare una partita a livello tecnico e tattico, oltre che mentale»

SU SUSO – «Ha dei fastidi, domani lo valutiamo e vediamo se può scendere in campo, a livello strumentale non ha niente di grave»

SULL’ESPERIENZA DA EX GIOCATORE – «Devo trasmettere per conoscenza, per come bisogna affrontare la partita. Bisogna vedere i giocatori e capire le loro caratteristiche, non posso pensare di mettere le mie caratteristiche nella testa dei giocatori perché ognuno di loro è diverso, e non tutti hanno bisogno della grinta che mettevo in campo. Noi ancora ci meravigliamo che facciamo giocare i giovani, non c’è bisogno di dare nozioni di grinta»

SUL MERCATO – «Giochiamo ogni tre giorni e ho poco tempo. parlo con loro, non vi racconto tutto quello che ci diciamo, però non voglio togliere nulla al campo e concentrarmi sulle partite da affrontare. Sicuramente qualcosa faremo ma ci sono dei paletti a livelli finanziario, ma non devo pensare a chi arriva o non arriva»

SULL’ OLYMPIAKOS – «E’ una delle migliori squadre a livello europeo per possesso palla, non dobbiamo sottovalutare la partita. Non dobbiamo ragionare all’italiana e provare il contropiede. Non dobbiamo pensare solo a difenderci, ma voglio vedere personalità. Una gara che può farci crescere a livello mentale»

SU CASTILLEJO – «Lo voglio vedere più coinvolto nel gioco, deve venire dentro l’area più spesso, voglio da lui qualche movimento senza palla. Non lo fa ancora in modo corretto però sta dimostrando che ha voglia e grande tecnica in velocità. Ma sono felice di come si è ambientato, ci può dare una grande mano»

SU CUTRONE – «Tiene molto a questo sport, vedere un ragazzo rammaricato perchè ha sprecato una occasione da gol è un qualcosa di bello perchè vuol dire che tiene a questo lavoro. Può migliorare nel fare gol»

SU NAPOLI E INTER – «Dispiace ma ora l’Europa League diventa ancora più affascinante perchè Napoli e Inter sono fortissime e faranno parate dei sedicesimi. Per quanto riguarda noi, vediamo come va a finire domani»

SULLA TRASFERTA COMPLICATA – «E‘ da un po’ di anni che non vinciamo contro squadre greche. Ricordo il pareggio dell’anno scorso contro l’AEK e la sfida del 2007 sempre contro di loro. L’ambiente complica molto il match e dovremo essere bravi a non sottovalutare l’impegno. All’andata sono venuti in 6.000 e sembravano in 50.000, è una squadra che ti mette in difficoltà. L’Olympiakos ha giocato molto di più in Europa del Milan nell’ultimo periodo. La squadra non deve commettere l’errore di sottovalutare questo impegno».