Milan, la stagione di Mirabelli: come cambiano i giudizi

© foto www.imagephotoagency.it

In casa Milan sta tenendo banco il futuro di Massimiliano Mirabelli, l’attuale Direttore Sportivo è stato uno dei principali protagonisti di questa stagione. I giudizi nei suoi confronti sono cambiati a seconda del momento che stava vivendo la squadra

In Casa Milan, secondo la stampa sportiva, sta tenendo banco il futuro di Massimiliano Mirabelli. L’attuale Direttore Sportivo oggi si è incontrato con Gattuso e Fassone per pianificare il prossimo mercato, mettendo a nudo tutte le falsità scritte negli ultimi giorni su un suo possibile addio. La stagione in corso lo ha visto passare da “salvatore della patria” a “incompetente” nella prima metà e da “genio” a nuovamente incompetente nella seconda metà.

GIUDIZI POSITIVI – La stagione dell’ attuale Direttore Sportivo era iniziata benissimo, rilanciando l’immagine del club rossonero con l’acquisto di 11 nuovi giocatori. Nel corso della stagione ci sono stati due momenti in cui il tifoso lo ha elogiato per l’operato. Il caso Donnarumma: la stagione rossonera si era aperta con lo spinoso caso del non rinnovo di Donnarumma, in quel caso è stato bravo a gestire la situazione facendo rinnovare il portiere rossonero. Gattuso: l’approdo del tecnico calabrese sulla panchina del Milan ha rialzato la stagione rossonera, rivalutando gli acquisti fatti in estate e, di conseguenza, riabilitando anche la figura del DS calabrese che lo ha fortemente voluto alla guida della squadra.

GIUDIZI NEGATIVI – I giudizi negativi sono stati influenzati molto da quella parte della tifoseria rossonera che non ha mai visto di buon occhio la nuova società e dai risultati ottenuti dalla squadra nella prima parte di stagione e nel finale della seconda parte

Il tifoso è irrazionale per natura, soprattutto quello che si lascia prendere da “l’isteria da social network”, ma in questo caso gli si chiede più lucidità nei giudizi per il bene del Milan.

 

Articolo precedente
Ariedo BraidaMilan, si valuta il ritorno di Braida per affiancare Mirabelli
Prossimo articolo
BigliaMilan, parla Lucas Biglia: «voglio giocare le ultime due partite di campionato»