Milan, bel dilemma: la squadra è con Gattuso. Ecco cosa disse il tecnico un anno fa

Suso Gattuso
© foto www.imagephotoagency.it

Gattuso in bilico ancora per tre giorni prima che il Milan prende una decisione definitiva, influenzata dal volere della squadra

Gattuso in bilico, 3 punti in 4 partite di campionato e l’eliminazione dall’Europa League che ancora pesa nella testa dei giocatori, i quali da quella sconfitta (complice anche gli infortuni e le squalifiche) sembrano non essersi più ripresi. Allora cosa manca a questo Milan? Numeri alla mano sembrerebbe proprio un problema di attacco, ovvero l’incapacità di Higuain di trovare la via del goal come ad inizio stagione. Però è anche vero che se l’argentino gioca titolare vuol dire che a livello comportamentale non esiste nessun caso all’interno dello spogliatoio, tanto da poter presupporre che l’attaccante voglia già andare via.

Anche il resto della squadra sembra essere con Gattuso, la conferma è arrivata dallo stesso allenatore che, pur sentendosi in discussione, ha negato dissidi con lo spogliatoio. Queste le sue parole dopo la gara di Frosinone: «Non posso essere tranquillo, perché è dal 2 dicembre che non vinciamo. Nel mio mestiere è difficile stare tranquilli. Se la squadra mi remava contro, non sarei stato qua. Sono il primo responsabile di questa barca, le responsabilità sono tutte mie. Non mi piace la parola tranquillo».

Tornando indietro invece con la memoria ad un anno fa circa, non possiamo non ricordare le parole del tecnico rossonero, il quale disse molto sinceramente che nel momento in cui si fosse sentito un peso per la società, sarebbe stato il primo a farsi da parte. Sulla parola di Gattuso non si discute nella maniera più assoluta, quindi tutto lascia pensare che quel momento non sia ancora arrivato.