Connettiti con noi

News

Maldini: «Ibra ha chiesto scusa ma voleva difendere i compagni»

Pubblicato

su

Maldini ha parlato nel pre partita di Bologna-Milan parlando della situazione Ibrahimovic e guardando al futuro del campionato dei rossoneri

Intervenuto ai microfoni di Sky Sport, Paolo Maldini ha analizzato la situazione del Milan alla vigilia della gara col Bologna:

«E’ stato uno scontro molto lungo. Come finirà? Non lo so ma noi difenderemo fino allo stremo il nostro giocatore soprattutto se si dovesse portare avanti la teoria del razzismo che non lo riguarda minimamente. Ibra era dispiaciuto, ha chiesto scusa ai compagni ma l’ha fatto per difenderli. Reazione? Mi aspetto che faccia Ibra».

BILANCIO MERCATO – Mercato? Ci ha visto protagonisti, la proprietà ci ha permesso di fare quello che volevamo, chiaramente dentro dei paletti, ma siamo stati bravi a farlo per andare fino in fondo alle due competizioni. La questione rinnovi si è congelata proprio per via del mercato».

ESORDIO PER TOMORITomori? Credo combini ottimamente la qualità di difendere nell’uno contro uno e nel saper gestirsi all’interno dei movimenti di una linea a quattro. Come unica pecca ha il fatto di aver giocato poco».

FUTURO DI DANIELDaniel Maldini alla Cremonese? Ariedo mi ha tempestato di telefonate per Lorenzo Colombo che poi è andato, ma non mi ha mai chiesto niente di Daniel. So che mi sarei potuto trovare nella situazione di dover gestire il presente e il futuro di mio figlio».

SOGNO SCUDETTO – Milan campione se facciamo 43 punti come abbiamo fatto all’andata, direi che potrebbe bastare. Siamo più forti adesso che ad inizio stagione, abbiamo più consapevolezza. La pressione non deve essere un problema, se non dovessimo vincere lo Scudetto a fine anno non faremo drammi ma se saremo fuori dai giochi a 10 dal termine sì perché significherà che non abbiamo avuto le giuste ambizioni».