Juventus-Milan, Pioli: «Sempre grandi rimpianti contro di loro, questa volta…»

Pioli
© foto Stefano Pioli, tecnico del Milan

Pioli ha voluto commentare in conferenza stampa la partita di domani sera del suo Milan contro la Juventus in semifinale di Coppa Italia

Ecco le parole di Stefano Pioli innanzi le telecamere di Milan Tv in cui ha voluto raccontare il periodo della quarantena, il lavoro svolto dai suoi e soprattutto il match che attenderà i suoi domani allo Stadium contro la Juventus.

La ripresa del calcio giocato – «Riprendere a giocare è la cosa più importante e bisogna farlo in sicurezza, come Milan siamo sempre stati attenti. Abbiamo preso le precauzioni necessarie. Siamo sempre stati favorevoli alla ripresa: l’assenza di tifosi è un danno enorme ma è il male minore, non si può fare altrimenti»

La quarantena – «Ho staccato anche io volutamente, lasciando tranquilli tutti per due settimane. Poi ho riacceso in tutti motivazioni e obiettivi, sentendoci con staff e giocatori»

Tante partite in poco tempo – «Sarà una novità per tutti: andremo incontro a temperature alte, ci sarà da stare attenti, curando ogni dettaglio e particolare, soprattutto recupero e alimentazione, per evitare i rischi dovremo lavorare»

La sfida di domani contro la Juventus – «In stagione abbiamo affrontato due volte la Juventus, è stata difficile per loro e per noi, devo dire che siamo usciti noi con rimpianti in campo. Se hanno trovato la stoccata giusta nelle prime due gare, dovremo trovarla noi ora. Partiamo alla pari, abbiamo lo svantaggio del risultato ma le qualità per giocarci la nostra partita»

Passaggio del turno domani – «soddisfazione sarebbe di tutti, ci proveremo, abbiamo tantissima voglia»

Pensieri sul suo futuro – «A quattordici gare dalla fine, nel mio passato, difficilmente sapevo quale sarebbe stato il mio futuro professionale. Il mio obiettivo è chiaro in testa: dare il massimo e ottenere il massimo da questa stagione» 

L’incontro con Gazidis – «È servito, quando ci si parla, si affrontano diverse tematiche, è importanti, anche con opinioni diverse»

Gli obiettivi stagionali – «L’obiettivo è riportare il Milan in Europa. Le strade da percorrere sono campionato e Coppa. La prima occasione è la Coppa, siamo concentrati su questa. Dico sempre ai giocatori il nome che portiamo sulle spalle ma il distintivo che abbiamo sul petto»

La condizione fisica dei suoi – «Dopo soste così, cambiano condizioni e anche gerarchie. Il calendario è fitto, giocheremo ogni tre giorni ma ci sarà bisogno di tutti. I ragazzi stanno lavorando bene anche se nessuno è al 100% e Lucas (Biglia) è tra chi sta meglio»

Bennacer – «Ha messo in mostra grandi caratteristiche, ha qualità ma viste età e posizione, ha margini di miglioramento. È un ragazzo generoso, un lavoratore, la sua crescita potrà essere costante se manterrà questo atteggiamento»

Stadi a porte chiuse – «Sia da giocatore e da allenatore, avere uno stadio che tifa contro mi ha sempre dato motivazioni. D’altra parte, avrebbe aiutato anche loro. Dovremo adattarci subito, abbiamo pagato lo scotto in campionato a San Siro col Genoa, dobbiamo trarre un insegnamento da quello. Abbiamo la fortuna di riprendere, dobbiamo farlo con passione ed entusiasmo anche per dare divertimento e svago ai tifosi che ci seguiranno da casa in un momento delicato della nostra vita quotidiana»