Jankto rompe con l’Udinese e la Serie A: «Ci hanno trattato da schiavi, voglio la Premier o la Liga»

© foto www.imagephotoagency.it

Jakub Jankto, obiettivo di vecchia data del Milan ha voluto chiarire la propria posizione: «Gli ultimi mesi a Udine sono stati un incubo, vorrei lasciare l’Italia»

Intervenuto dal ritiro con la Nazionale ceca, Jakub Jankto, obiettivo del Milan sul calciomercato, ha così parlato dei propri ultimi mesi in Italia: «Abbiamo fatto più di due mesi in albergo in tutta la stagione – ha raccontato il centrocampista al portale ceco Ceska Televize – Era il peggior albergo di Udine, dove i bagni erano sporchi. Ci siamo sentiti come schiavi, non ci era permesso nemmeno di vedere i figli. Alcuni giocatori erano costretti a prendere dei sonniferi per addormentarsi. Era una punizione». 

ADDIO SERIE A – Sempre dal ritiro con la propria Nazionale, Jankto continua: «Ora mi concentro solo sulle ultime due gare con la Nazionale, poi vedremo cosa succederà. Mi piacerebbe andare via dall’Italia. Sono qui da 4 anni e sono felice qui, ma ho voglia di cimentarmi in un nuovo campionato, magari in Inghilterra o in Spagna». Jankto negli ultimi mesi era stato accostato al Milan anche in seguito ai frequenti incontri avvenuti tra il suo procuratore, Beppe Riso, e il direttore sportivo rossonero Massimiliano Mirabelli.

Articolo precedente
Maldini, un’allusione che non aiuta il Milan
Prossimo articolo
Stampa RassegnaRassegna del 30 maggio 2018