Connettiti con noi

News

Gazidis al podcast Fùtbol: «La rinascita del Milan? Ecco di chi è il merito»

Pubblicato

su

In un’intervista rilasciata al podcast di Grant Wahl “Fùtbol”, Ivan Gazidis ha parlato del momento del Milan

Ivan Gazidis parla della rinascita del Milan in un’intervista rilasciata al podcast “Fùtbol” di Grant Wahl. Ecco le sue dichiarazioni.

MERITI E MOMENTI DELLA RINASCITA DEL MILAN: «Non c’è solo un momento, ci sono così tante cose da dire. È davvero una grande storia con tanti momenti… Posso parlarti del nostro allenatore Stefano Pioli e del lavoro che sta facendo. È arrivato in un momento davvero difficile come spesso accade ai nuovi allenatori. Ha portato calma, concentrazione e modernità nell’approccio alle partite. Una persona incredibile, un allenatore top. Posso raccontarti la storia di Paolo Maldini, il nostro direttore tecnico affiancato dal DS Ricky Massara. Come ben saprai Paolo è una leggenda del calcio, ma sta mettendo tutto sé stesso in questo nuovo ruolo. Posso raccontarti della proprietà. Come saprai il club è passato attraverso dei cambi di proprietà, e ora c’è la nuova proprietà americana. Hanno risollevato il club da una situazione finanziaria davvero molto complicata. Poi possiamo parlare di Ibrahimovic, dalla MLS alla Serie A per rimettersi in gioco ancora una volta. E ancora, possiamo parlare di questa squadra. Una squadra ricostruita con giocatori davvero giovani. Nonostante Ibra siamo la seconda squadra più giovane nei top 5 campionati europei e la più giovane della Serie A. Abbiamo davvero ricostruito con giocatori giovani che stanno crescendo insieme alla squadra, sia caratterialmente che tecnicamente. Ci sono tante storie, tanti momenti diversi e sono tutti importanti».

COSA TI HA SPINTO AD ACCETTARE IL RUOLO DI CEO DEL MILAN: «Sono un appassionato di calcio e tifoso fin da bambino. La mia generazione è cresciuta sapendo bene cos’è il Milan. Questa grande squadra con una storia europea incredibile, vincitrice di 7 Champions League. Non “solo” una squadra italiana ma un club davvero internazionale. Ad oggi il Milan ha 530 milioni di tifosi in giro per il mondo, uno dei club più grandi al mondo. Però ha passato 7-8 anni davvero difficili per un motivo o per un altro, le prestazioni non sono mai state ad alti livelli. Per me questa è un’opportunità unica: nel calcio probabilmente non c’è un club di questa importanza che con il giusto lavoro e le giuste idee può essere riportato ai fasti di un tempo. L’ho trovata come una sfida professionale davvero intrigante, un qualcosa che non ti capita tutti i giorni e ho ritenuto che valesse davvero la pena accettarla. Spero ovviamente che raggiungeremo gli obiettivi, siamo ancora nel pieno del lavoro. Ci stiamo muovendo però nella giusta direzione, qui tutto è votato alla grandezza. La passione dei tifosi italiani, in particolare quella dei tifosi rossoneri, è straordinaria. Ovviamente nell’ultimo anno ci sono stati tanti eventi terribili, ma sicuramente c’è il rammarico per non aver potuto avere i tifosi allo stadio per vedere le fantastiche prestazioni della squadra. Questa è una squadra davvero incredibile, è una squadra che davvero hai voglia di vedere dal vivo: gioca un calcio divertente, tanti giocatori giovani che stanno crescendo insieme. C’è entusiasmo».

STRATEGIE PER FAR CRESCERE IL MILAN: «Siamo arrivati in un club che si trovava in una situazione finanziaria davvero brutta. I ricavi sono rimasti gli stessi per tanto tempo mentre gli altri club crescevano anche da questo punto di vista, e al tempo stesso i costi sono cresciuti portando delle perdite davvero importanti. Non è una situazione che risolvi dall’oggi al domani, ci vuole del tempo. Anche se non è una cosa popolare abbiamo dovuto ridurre i costi cercando di migliorare le performance. Non è una cosa per niente facile, te lo assicuro. Se avessimo fatto le stesse cose che club come Juventus e Inter non saremmo stati in grado di raggiungerli e competere con loro perché erano più avanti di noi con i loro progetti. Così abbiamo portato un sacco di nuove idee, ci siamo affidati alle analisi e ad un reparto scouting davvero molto buono, volevamo un qualcuno che guidasse tutto questo e così Maldini è tornato nel club dopo 10 anni per la prima volta. Ci siamo concentrati sui giocatori giovani, abbiamo comprato e continueremo a comprare grandi talenti da tutto il mondo, giocatori vogliosi di migliorare, orgogliosi di vestire questa maglia e la voglia di sviluppare la propria carriera con noi. Giocatori che, in un modo o nell’altro, devono dimostrare qualcosa. Anche Ibrahimovic rientra in questa categoria. Nonostante l’età è una sfida davvero romantica per lui, ha un legame speciale con il club. Guidare un gruppo di ragazzi giovani e riportare in alto il Milan è una sfida fatta apposta per lui. Avevamo il bisogno di trovare l’allenatore giusto e l’abbiamo trovato in Stefano Pioli. Dopo il lockdown abbiamo avuto un periodo straordinario che non può solo ridursi al risultato, alla vittoria o alla sconfitta: al Milan la vittoria è necessaria, ma non è abbastanza. Vogliamo giocare un calcio dinamico, propositivo, e lo stiamo facendo con un gruppo di ragazzi».